Botti di Capodanno, 51 feriti nel Napoletano. Nessuna vittima

Botti di Capodanno, 51 feriti nel Napoletano. Nessuna vittima

Dato finalmente in controtendenza rispetto allo scorso anno che si aprì con 2 morti e oltre 200 feriti CAPODANNO – Sono 51


Dato finalmente in controtendenza rispetto allo scorso anno che si aprì con 2 morti e oltre 200 feriti

CAPODANNO – Sono 51 in tutto le persone rimaste ferite la scorsa notte di San Silvestro a causa dei botti. A Napoli 28 di cui 4 minori; 23 in provincia di cui 4 minori. Nessuno è in pericolo di vita.

Numerosi sono stati gli interventi dei Vigili del fuoco per spegnere gli incendi di cassonetti di rifiuti in tutta l’area nord. E sempre a causa di petardi e altri fuochi artificiali i pompieri sono stati costretti ad intervenire per spegnere principi di incendio in una decina di abitazioni; coinvolte anche alcune auto.

C’è da fare attenzione anche oggi al cosiddetto “pericolo del giorno dopo”. Tanti fuochi inesplosi o apparentemente dormienti restano per strada. I fuochi, con un piccolo contatto, possono andare in autocombustione ed esplodere improvvisamente. Per questo bisogna evitare di raccoglierli e anche di passarci sopra con le autovetture.

Nonostante tutto, è positivo il bilancio rispetto al primo gennaio del 2013. Quando invece il nuovo anno si aprì tragicamente con due morti e oltre 200 feriti.