Giallo a Licola, trovata morta la moglie di un militare Nato. In casa con lei la figlia di 5 anni

Giallo a Licola, trovata morta la moglie di un militare Nato. In casa con lei la figlia di 5 anni

Il corpo esanime ritrovato dal militare. Indagano polizia e Ncis, ipotesi suicidio ma il marito è sotto interrogatorio GIUGLIANO – Rientra a


Il corpo esanime ritrovato dal militare. Indagano polizia e Ncis, ipotesi suicidio ma il marito è sotto interrogatorio

GIUGLIANO – Rientra a casa e trova la moglie ferita mortalmente da un colpo di pistola alla tempia, accanto a lei una pistola Beretta non in dotazione ai militari americani

E’ accaduto ieri sera in una villetta di via Grotta dell’Olmo a Licola, frazione di Giugliano. Il militare americano,  stanziato alla base Nato, è rientrato a mezzanotte facendo la macabra scoperta. La donna, G.A.T, è stata trovata sul letto con accanto una pistola Beretta non in dotazione ai militari Nato, ma risultata rubata nel 2006 a Mercato San Severino. La bambina della coppia al momento dello sparo era in casa con la vittima. Il marine ha riferito alla Polizia che è stata presa in consegna dai militari della Nato.

Indagano la polizia di Giugliano e l’NCIS (Naval criminal investigative service), il servizio investigativo della marina americana. Le prime ipotesi si orienterebbero verso il suicidio, ma pare che i due, entrambi 27enni, avessero passato la sera a litigare.

Pare sia stato ritrovato anche un biglietto. Un foglietto scritto a mano, forse dalla stessa vittima, in inglese, il cui contenuto sarebbe al vaglio degli inquirenti.

Il militare è stato ascoltato dagli inquirenti, che l’hanno sottoposto all’esame dello stub, volto a rilevare eventuali tracce di polvere da sparo sulle mani. L’uomo ha dichiarato di non essere a conoscenza dell’arma che ha ucciso la moglie e di ignorarne la provenienza. Dopo l’uscita da casa avrebbe mantenuto i contatti con la giovane moglie mandandogli degli sms.  Finora non sono stati adottati provvedimenti nei confronti dell’uomo.