Giugliano, giovedì mattina studenti in piazza contro gli aumenti TARES

Giugliano, giovedì mattina studenti in piazza contro gli aumenti TARES

E’ il quarto presidio dei cittadini per la ridefinizione delle tariffe GIUGLIANO – Gli studenti pronti a manifestare contro le maggiorazioni della


E’ il quarto presidio dei cittadini per la ridefinizione delle tariffe

GIUGLIANO – Gli studenti pronti a manifestare contro le maggiorazioni della tassa sui rifiuti. Giovedì alle 10 il corteo dei giovani dei collettivi giuglianesi e villaricchesi si unirà ai comitati No Inceneritore di Giugliano, Disoccupati Giuglianesi, Acqua Bene Pubblico e l’Eco della Fascia Costiera. Ancora una volta è stato scelto il Municipio come luogo per esprimere il dissenso.

E’ il quarto presidio indetto dai manifestanti per ottenere condizioni più favorevoli per il pagamento della tassa sui rifiuti. L’ultimo episodio ha portato una netta vittoria per gli attivisti che hanno ottenuto la sospensione della prima rata e la rimodulazione reddituale degli importi. La Commissione Prefettizia Straordinaria ha aperto un tavolo di concertazione con 5 esponenti della cittadinanza per intervenire sulla Tares.

«La cittadinanza, nella sua più vasta composizione sociale, spontaneamente ha creato pratiche di blocco e informazione al centro della città mentre una delegazione discuteva le proposte all’interno dell’edificio, difeso da più reparti delle forze dell’ordine pronti e schierati all’uso della loro classica “giustizia violenta”. – prosegue il manifesto degli studenti – I Commissari, nonostante non rappresentino la politica fallita che ha provocato la devastazione ambientale, ma complici di quella classe dirigente speculatrice, per l’ennesima volta rifiutano le proposte dei Comitati rispondendo con una proposta fantoccio che provoca il malcontento generale e al momento in cui i manifestanti espongono il proprio dissenso subiscono cariche violente e gratuite a cui resistono disarmati ma compatti».