Melito, un poeta per Santo Stefano

Melito, un poeta per Santo Stefano

Giovanni Cecere, dipendente comunale, dedica un’ode al Patrono della città MELITO – Una poesia dedicata a Santo Stefano, patrono della città di


Giovanni Cecere, dipendente comunale, dedica un’ode al Patrono della città

MELITO – Una poesia dedicata a Santo Stefano, patrono della città di Melito e primo martire della cristianità.

Giovanni Cecere, melitese doc e dipendente comunale, ama la sua città così tanto da declamare, nei suoi versi, tutti i simboli storici della comunità melitese.

Lo scorso 26 dicembre, giorno di Santo Stefano, il poeta ha recitato nella chiesa madre Santa Maria Delle Grazie, davanti a 500 persone e alle autorità locali con il sindaco Carpentieri in testa, la sua ode al Santo Patrono che, leggenda vuole, donasse pezzi di pane a coloro che lo lapidassero.

Si narra, inoltre, di un miracolo compiuto dallo stesso martire durante una violenta eruzione del Vesuvio quando la città di Melito fu invasa da una pioggia ceneri e lapilli che cessò quando i fedeli portarono in strada la Statua del Santo per chiedere un conforto in quel drammatico momento.

E’ anzitutto di questo che il poeta mette in risalto nella sua poesia dedicata a Santo Stefano descritto, tra le altre cose, “Cu chella faccella annurca ‘e melella, guarda ‘ncantato Dio ‘mmiezo a ‘e stelle’’.

Tra qualche settimana, Giovanni Cecere pubblicherà una raccolta di 40 poesie dal titolo arricchito con un album fotografico di mestieranti  compresi tra gli anni 50′ e 70′ “‘E Parole – Nun so sul Parol’’ interamente finanziato dal Comune di Melito, con l’ausilio dell’Assessorato alla Cultura.

  Ecco il testo della poesia

 

O’ primmo martire d’o Signore

è Stefano santo nuosto patrono.

 

Cu l’anema chiena ‘e Spiritussanto

Primma ‘e murì già era santo.

 

‘A vita cu ‘e prete l’hanno levato,

cu ‘e preghiere e c’  ‘o pane l’ha perdunate.

 

Stefano Martire ‘e Nostro Signore,

Tu si  ‘ o chhiu’ bello santo guaglione

 

Cu chella faccella annurca ‘e melella,

Guarda ‘ncantato Dio ‘mmiezo a ‘e stelle.

 

Stefano santo core ‘e ‘sti core,

prega pe’ nuje p’ ‘a pace e ‘o perdono.

 

‘Nce puorte’ ‘a Lue ‘e ll’ Onnipotente

‘e stu paisiello si’  ‘o sol nascente.

 

Ogni anno ca vene ‘a festa toia,

‘o tiempo se cagna e fa rummòre.

 

Tu si’ nu santo piccirillo,

fermaste ‘a chiuvuta ‘e cenere e rapille.

 

‘Ncopp ‘o vraccio se pusaie,

chella farfalla venuta ‘a luntano.

 

Tu si’ ‘ a speranza ‘ nuje melitesi,

alluntana ‘o mmale ‘ a chistu paese.