Napoli, per il centrocampo il nome nuovo è Etienne Capoue del Tottenham

Napoli, per il centrocampo il nome nuovo è Etienne Capoue del Tottenham

Secondo il portale Goal.com sarebbe il nazionale francese l’obiettivo della società partenopea dopo il rifiuto di Aulas per Gonalons   NAPOLI: Dopo


Secondo il portale Goal.com sarebbe il nazionale francese l’obiettivo della società partenopea dopo il rifiuto di Aulas per Gonalons

 

NAPOLI: Dopo la trattativa saltata per Gonalons, nel mirino di Benitez e De Laurentiis c’è un connazionale proprio del capitano del Lione, un calciatore seguito con grande interesse fin dalla scorsa stagione, prima del suo trasferimento in Inghilterra. Si tratta di Etienne Capoue, 25enne del Tottenham, fortemente voluto da Villas Boas nella faraonica campagna di rafforzamento degli Spurs. Pagato 10 milioni di euro, però, ha visto pochissimo il campo: meno di 1000 i minuti in stagione, finora, per lui conditi da un’esclusione eccellente anche in FA Cup, dove al suo posto ha giocato un giovane della Primavera, il 19enne franco-algerino Bentaleb. Il Napoli ha proposto alla formazione londinese un prestito con diritto di riscatto obbligatorio fissato a 9 milioni di euro: il Tottenham, così, non realizza minusvalenze sempre pericolose in tempi di fair-play finanziario.

Un’idea che si rafforza anche guardando a quello che è lo stipendio del mediano: 2.5 milioni a stagione, una cifra parametrabile a quelli che sono gli standard di un monte-ingaggi in crescita costante nelle ultime stagioni. Quella per Capoue è una trattativa che De Laurentiis vorrebbe condurre in prima persona con il re del calciomercato, quel Mino Raiola, agente proprio di Etienne Capoue e che ha tutto l’interesse a spostare il suo assistito in questa fase del mercato. Capoue, con i suoi 188 centimetri e per le sue caratteristiche tecniche e di velocità avrebbe già raccolto anche il gradimento di Benitez. Inoltre, Capoue, se non vuol perdere il treno che porta ai mondiali, deve trovare subito una piazza importante che lo esalti: la sua ultima convocazione risale all’agosto del 2013, poche settimane dopo il suo arrivo a Londra, segno del desiderio del ct Deschamps di portare in Brasile solo calciatori pronti.