Pioggia di soldi per i Rom, 900mila euro grazie alla Bindi. Polemica sui commissari

Pioggia di soldi per i Rom, 900mila euro grazie alla Bindi. Polemica sui commissari

Stanziati fondi per ripristinare fogne e impianto idrico. L’intervento dopo la visita lampo della Presidente della Commissione Antimafia a Masseria del Pozzo


Stanziati fondi per ripristinare fogne e impianto idrico. L’intervento dopo la visita lampo della Presidente della Commissione Antimafia a Masseria del Pozzo

 

GIUGLIANO – Deve aver fatto effetto la visita dello scorso 13 dicembre di Rosy Bindi nel campo Rom di Giugliano. Infatti è di questi giorni la notizia che la commissione prefettizia ha appena stanziato 900mila euro per il risanamento ambientale di Masseria del Pozzo.

“A Giugliano ho visto qualcosa che non volevo vedere, ovvero i bimbi del campo rom che giocavano nella discarica tra i fumi dei rifiuti e il percolato. Questo è inaccettabile, convocheremo prima possibile la Commissione prefettizia che amministra il Comune”, fu la dichiaraziona rilasciata a Repubblica con cui Rosy Bindi, presidente della Commissione Antimafia, annunciò un cambio di rotta nella politica di accoglienza dei Rom nel territorio di Napoli Nord.

rogo rom2Detto fatto. I fondi stanziati riguarderanno il ripristino delle fogne, dell’impianto idrico e della centralina per il monitoraggio degli inquinanti atmosferici, anche in relazione al problema dei roghi tossici. Il campo di Masseria del Pozzo fu individuato dopo lo sgombero del campo di Ponte Riccio nel dicembre 2012. La collocazione però doveva essere provvisoria. Secondo il regolamento comunale, la permanenza prevista dei Rom nel campo era di 60 giorni, rinnovabili per 4 volte. L’ultima proroga dovrebbe scadere il prossimo 25 febbraio.

Intanto, lo stanziamento di una somma così corposa a favore dei Rom ha acceso dei malumori e delle divisioni fra i cittadini di Giugliano, esasperati da diversi episodi di cattiva amministrazione. “Perché stanziare 900mila euro per una comunità che brucia rifiuti sul territorio quando ci sono migliaia di giuglianesi sull’orlo della povertà che non percepiscono nessun aiuto dal Comune?”, il commento di un cinquantenne alla notizia. “Per la Tares non ci sono soluzioni alternative per agevolare i cittadini. Per gli zingari invece i soldi escono fuori. Ci voleva Rosy Bindi per smuovere i commissari?”, polemizza un altro.