«Stava andando dalla ragazza». La storia di Davide, ragazzo che sognava di diventare parrucchiere

«Stava andando dalla ragazza». La storia di Davide, ragazzo che sognava di diventare parrucchiere

Il 17enne morto nel tragico incidente di Corso Italia viveva con la zia e la sorella. Nei suoi progetti anche un viaggio


Il 17enne morto nel tragico incidente di Corso Italia viveva con la zia e la sorella. Nei suoi progetti anche un viaggio a Londra. Domani il suo funerale alle 12 alla San Pasquale Baylon 

GIUGLIANO – Qualcosa non andava quel pomeriggio del 2 gennaio. Davide De Rosa, il ragazzo morto nel tragico incidente di Corso Italia, non si sentiva un granché bene. Aveva avvisato Giuseppe, il suo datore, che non sarebbe andato a lavoro. Voleva sentirsi libero per un giorno, sfrecciare a bordo del suo TGB X motion 125cc per sentire tutti i suoi 17 anni e passare qualche ora con Imma, la sua fidanzata.

Ma Davide non riuscirà mai a raggiungere Imma. Lo schianto con la Fiat Stilo, poco dopo le 14, lo porterà via prima del tempo. Sull’asfalto imbrattato di sangue, insieme al suo corpo senza vita, resteranno pure i suoi sogni. Tanti. Perché Davide, come ogni ragazzo della sua età, ne aveva parecchi. “Voleva andare a Londra, frequentare una scuola di taglio, diventare un parrucchiere da uomo”, racconta Giuseppe, il proprietario del salone di bellezza presso cui Davide lavorava da circa un anno.

Un anno di lavoro intenso, nel quale Davide aveva dimostrato talento, tanta voglia e grande disponibilità dentro e fuori dal negozio. “Era sempre sorridente e allegro – continua a raccontare Giuseppe -. Credeva molto in quello che faceva e amava la gente. Aveva tutte le caratteristiche per diventare un buon parrucchiere”. Ma il futuro si è interrotto bruscamente. La notizia della morte di Davide ha gettato tutti in uno sconforto che ha il sapore dell’incredulità. “Ricevo un sacco di chiamate, da parte di clienti e persone che lo avevano conosciuto e chiedono come sia possa spiegare questa tragedia. Sono rimasti tutti senza parole. Davide ha lasciato un vuoto”, conclude con una punta d’amarezza il suo vecchio datore di lavoro.

Davide viveva con sua zia, insieme alla sorellina più piccola. Per motivi familiari non stava con i genitori. Ma le difficoltà private non gli avevano impedito di guardare in faccia il futuro, inseguire il suo sogno. Quello stesso sogno che forse stava inseguendo inconsapevolmente anche a bordo del suo scooter, prima che la strada della morte inghiottisse anche lui.

Sul profilo facebook di Davide esplodono le manifestazioni di affetto e di stima da parte degli amici. “I ricordi di infanzia non verranno mai cancellati”, scrive Valerio. “Non ho potuto credere a ciò che ho sentito perché di te conservo un ricordo indelebile”, commenta invece Vincenzo. L’amico Michele gli dedica infine una poesia e Alessia conclude “Davide vive fra noi”.

Le esequie di Davide De Rosa si terranno domani, alle ore 12, nella chiesa di San Pasquale Baylon, a pochi passi dal luogo dell’incidente che l’ha portato via per sempre.

GLI ARTICOLI SULL’INCIDENTE: