Stupro e rapina alle prostitute, si costituisce il quinto componente del gruppo

Stupro e rapina alle prostitute, si costituisce il quinto componente del gruppo

Daniele Scialò, incensurato ventenne di Villaricca, si è presentato alla caserma dei carabinieri di Giugliano GIUGLIANO – I suoi complici erano stati


Daniele Scialò, incensurato ventenne di Villaricca, si è presentato alla caserma dei carabinieri di Giugliano

GIUGLIANO – I suoi complici erano stati arrestati il 20 gennaio dai carabinieri di Napoli con l’accusa di rapina aggravata e violenza sessuale ai danni di prostitute che esercitavano in case private nei quartieri napoletani di Fuorigrotta e Capodimonte, oltre che a Varcaturo. Ieri è finita la latitanza anche del quinto componente del gruppo: Daniele Scialò, di Villaricca, si è infatti presentato spontaneamente ai militari dell’arma, presso la caserma di Giugliano.

Il ventenne villaricchese, incensurato, è stato condotto al carcere di Poggioreale. Il gruppo di cui faceva parte contattava le prostitute – solitamente straniere – e si recava armato negli appartamenti dove queste accoglievano abitualmente i clienti. Dopo averle violentate, le derubavano e scappavano via. Le indagini, ed i successivi ordini di cattura emessi dal Gip di Napoli, hanno posto fine alla loro attività criminale.

Leggi anche: Violenza sessuale di gruppo e rapine ai danni di prostitute: cinque arresti