Terra dei Fuochi, Napolitano si commuove. Appena concluso l’incontro con le “mamme degli angeli”

Terra dei Fuochi, Napolitano si commuove. Appena concluso l’incontro con le “mamme degli angeli”

Il faccia a faccia fra le 13 donne e il Capo dello Stato è durato più di un’ora. Molte le richieste, fra


Il faccia a faccia fra le 13 donne e il Capo dello Stato è durato più di un’ora. Molte le richieste, fra le quali l’istituzione di un registro tumori e la lotta ai roghi tossici

 

ROMA – Sta facendo ritorno in queste ore il pullman da Roma con a bordo le “mamme degli angeli”. La delegazione partita stamattina da Caivano alle prime luci dell’alba termina il suo viaggio nella Capitale dopo l’incontro con il Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, che ha voluto incontrare le donne promotrici dell’iniziativa delle cartoline dalla Terra dei Fuochi insieme a Don Maurizio Patriciello.

Al Quirinale, nella stanza del Presidente della Repubblica, le 13 mamme invitate a salire hanno conversato per più di un’ora col Capo dello Stato. “Abbiamo parlato a ruota libera, toccando tutti i problemi della nostra terra”, ha dichiarato Giulia Angelini, una delle donne che componevano la delegazione. “Quando abbiamo raccontato le storie dei nostri figli, il Presidente si è commosso”, ha aggiunto. Anche Don Maurizio Patriciello ha avuto la possibilità di parlare, illustrando, dati alla mano, tutte le percentuali sull’alto tasso di tumori in Campania e lo straordinario lavoro fatto dal Dottor Marfella.

Nella sua risposta, il Capo dello Stato ha rassicurato che si occuperà personalmente della vicenda della Terra dei Fuochi, provando a recepire le richieste avanzate dalle mamme e da Don Maurizio Patriciello, fra le quali l’istituzione di un registro tumori, l’abolizione della prescrizione contro i reati ambientali e la lotta ai roghi tossici. Su quest’ultimo punto, il Capo dello Stato ha spiegato che l’arrivo dell’esercito dovrebbe fungere da deterrente per gli eco-reati e da strumento di monitoraggio del territorio.

Napolitano sarebbe però stato evasivo riguardo al tema degli atti della commissione d’inchiesta sull’interramento di rifiuti tossici desecretati solo pochi mesi fa dalla Camera, preferendo sul punto mantenere il massimo riserbo. “Ma siamo comunque fiduciosi – ha aggiunto Giulia – e soddisfatte per essere state ascoltate dal Capo dello Stato”. Le mamme hanno infine lasciato sulla scrivania di Napolitano una lettera firmata simbolicamente dai bimbi morti di tumore.

Ecco la lettera consegnata dalle mamme:

Lettera dei bimbi morti