Servizi sociali azzerati nell’ambito N16, si attendono le decisioni del commissario

Servizi sociali azzerati nell’ambito N16, si attendono le decisioni del commissario

Granata, vicesindaco di Villaricca: «serve un incontro al più presto, bisogna garantire i livelli essenziali di assistenza» VILLARICCA – Nuovamente i riflettori


Granata, vicesindaco di Villaricca: «serve un incontro al più presto, bisogna garantire i livelli essenziali di assistenza»

VILLARICCA – Nuovamente i riflettori puntati sull’ambito N16. In pericolo l’assistenza domiciliare ad anziani, minori a rischio e disabili. «Dobbiamo riaccordarci con il commissario», sottolinea Giovanni Granata, vicesindaco ed assessore alle politiche sociali di Villaricca, «di fatto stiamo chiedendo al commissario un colloquio al più presto per una collaborazione. I servizi sociali sono essenziali per moltissime persone ed è compito di una società civile garantire i livelli essenziali di assistenza».

Dal 3 febbraio in poi la mancanza di risorse ha portato all’interruzione dell’erogazione dei servizi assistenziali, che potranno essere riattivati solo quando il nuovo commissario stanzierà i fondi. A seguito dell’insediamento ufficiale di quest’ultimo il Comune cesserà la competenza diretta e per legge non potrà dirigere da solo questi servizi. Dopo la mancata approvazione del Piano Sociale di zona e l’attesa della nomina del commissario, lo scorso 25 gennaio la regione Campania ha incaricato la dottoressa Mirella Murolo di ricoprire tale ruolo.

Precedentemente, in assenza di questa figura vi era stata una delibera con la quale il comune di Villaricca, in ambito con quelli di Mugnano, Melito, Calvizzano, Qualiano, si era impegnato ad “autofinanziarsi” per garantire i livelli essenziali di assistenza alle fasce più disagiate della popolazione, in particolare anziani, mediante l’assistenza domiciliare, minori a rischio e disabili.