Dipendenti Bacino ospiti dalla D’Urso. Ma è polemica con Luigi Di Maio

Dipendenti Bacino ospiti dalla D’Urso. Ma è polemica con Luigi Di Maio

Botta e risposta a distanza fra gli operai dei Consorzi e il Vicepresidente della Camera. Salvatore Lezzi: “I grillini sanno di noi.


Botta e risposta a distanza fra gli operai dei Consorzi e il Vicepresidente della Camera. Salvatore Lezzi: “I grillini sanno di noi. Non siamo finti operai”

 

ROMA – I protagonisti della protesta nella prima serata del Festival di Sanremo sono stati ospiti di Barbara D’Urso a Domenica Live poche ore fa. La conduttrice ha chiesto ai 4 operai del Consorzio Unico di Bacino, che non percepiscono lo stipendio da 16 mesi, chiarimenti sulla loro irruzione al Teatro Ariston e sui retroscena della loro vicenda. Così come già fatto alle videocamere de Il Meridiano News ( parla Antonio Sollazzo ), Antonio Sollazzo ha esibito la ricevuta d’acquisto del biglietto della prima serata, smentendo le false voci sui costi stratosferici  e sulle presunte scarpe griffate calzate al momento dell’irruzione in diretta.

luigi di maio postNel corso dell’intervista, poi, uno dei dipendenti, Salvatore Lezzi, ha mostrato alle telecamere una lettera firmata con cui il Vicepresidente della Camera, Luigi di Maio, avrebbe sollecitato la Presidente Boldrini a portare in aula la vertenza dei Consorzi di Bacino della Campania. “Grillo ci definisce dei finti operai – ha gridato l’uomo – ma il documento che ho fra le mani dimostra che i grillini conoscono bene il nostro problema”.

La lettera considera urgente la risoluzione concreta delle problematiche degli operai dei consorzi individuando due canali: lo stanziamento di 30 milioni di euro (crediti certificati già vantati dai consorzi nei confronti delle amministrazioni comunali) per il pagamento degli stipendi arretrati; il ricollocamento degli stessi operai dei Bacini attraverso l’approvazione della nuova legge regionale di riordino del ciclo integrato di rifiuti.

Il Vicepresidente della Camera, pochi minuti fa, ha replicato alle accuse dalla sua pagina Fb: “Quelle carte che mostrano in tv dimostrano proprio il contrario – scrive nel post – cioè che li ho ricevuti (con le magliette imbevute di benzina), che li ho ascoltati e mi sono attivato. Non mi risulta che lo abbia fatto altra carica istituzionale al mio livello”. Poi continua: “Gli operai sanno che il mio ufficio è sempre a disposizione di chi ha difficoltà (che siano imprenditori o operai). I recapiti sono pubblici. Non prestatevi alle strumentalizzazioni ad orologeria”.

Barbara D’Urso, alla fine dell’intervista, ha promesso ai 4 dipendenti di ospitarli a Pomeriggio Cinque, con molta probabilità domani stesso, per raccontare meglio il loro disagio e fare luce sul dramma di tutti i dipendenti del Consorzi che in Campania non percepiscono lo stipendio da più di un anno.

Ecco la lettera esibita in tv firmata dal Vice Presidente della Camera Luigi di Maio lo scorso 29 luglio:

lettera di maio