Domani l’incontro conclusivo del progetto “Caregiver. Per te che mi sei accanto”

Domani l’incontro conclusivo del progetto “Caregiver. Per te che mi sei accanto”

All’hotel Le Chateaux di Licola verranno presentati i risultati dell’iniziativa che ha coinvolto oltre 100 parenti di malati gravi Cineforum, visite guidate


All’hotel Le Chateaux di Licola verranno presentati i risultati dell’iniziativa che ha coinvolto oltre 100 parenti di malati gravi

Cineforum, visite guidate e socializzazione. Ecco come ci si prende cura di chi si prende cura di un malato grave per evitare che si ammali a sua volta: organizzando momenti di incontro e confronto, spazi idonei di vita per tirare le famiglie fuori dall’isolamento in cui spesso sono costrette dalla malattia di un loro caro. Insomma, imparare a dedicare le proprie energie all’altro senza trascurare se stessi, è lo scopo del progetto “Caregiver. Per te che mi sei accanto”, promosso dal Centro nazionale sportivo Fiamma di via De Gasperi e partito agli inizi di febbraio nei comuni di Giugliano e Marano, rivolto a 103 destinatari. Si tratta di persone di età diverse che sacrificano i propri spazi di vita per non abbandonare figli, fratelli, sorelle o genitori con gravi problemi di salute.

“La ricerca scientifica registra che le persone che si prendono cura dei malati gravi, perlopiù allettati e bisognosi di assistenza continua, si ammalano a loro volta nel giro di due anni – dice Angela Palma, a e coordinatrice di “Caregiver Per te che mi sei accanto” – Questo progetto parte da questo dato e mira a evitare che questo succeda come una specie di ulteriore condanna. Lo fa migliorando la qualità della vita del familiare o dell’amico che si prende cura di una persona gravemente malata, fornendogli gli strumenti informativi per orientarsi meglio nella cura al proprio familiare e tutelare anche se stesso”. Ecco così che dal progetto arrivano l’aiuto e il sostegno necessari che consistono in una serie di attività, il cui accesso è assolutamente gratuito, come il sostegno psicologico, la promozione di incontri, dibattiti, cineforum e altri momenti di socializzazione, che consentono a queste persone di ritargliarsi uno spazio per se stessi, sottraendosi in questo modo alla sofferenza, ma anche per trovare conforto, forza e coraggio nella condivisione dell’esperienza comune di dolore. “Imparano a ritagliarsi uno spazio di vita, a non annullare se stessi e a non accumulare uno stress emotivo che alla lunga penalizzerà anche la loro salute”, continua la dottoressa Palma. Momenti di benessere collettivo, in pratica, che restituiscono il senso della gioia di vivere per dedicare le proprie energie a chi si vuole bene.

Il progetto ha già prodotto delle esperienze significative che verranno illustrate nel corso del convegno che si svolgerà la mattina del 22 febbraio 2014 presso il Grand Hotel “Le Chateaux”, in Largo Sirenella, a partire dalle 9, col patrocinio di Regione Campania, Ordine dei medici chirurghi e Odontoiatri di Napoli, Ordine degli Psicologi della Campania, Comune di Giugliano e Comune di Marano di Napoli.

– Ore 9. Aprono i lavori, gli interventi del coordinatore del corso di laurea infermieristica dell’Università degli studi Federico II Carlo Vigorito, del presidente dell’Ordine dei Medici chirurghi Bruno Zuccarelli, del presidente di Psicologi per la responsabilità sociale Raffaele Felaco, già presidente Ordine Psicologi. Partecipano il consigliere regionale Giuseppe Maisto, l’assessore comunale di Marano Gennaro Ruggiero, i commissari prefettizi del Comune di Giugliano.

– Ore 10,30. Spazio all’informazione. “Le malattie neurodegenerative” con professor Pietro Biagio Carrieri, del Dipartimento di Scienze Neurologiche della Federico II. Alle ore 11. La psicologa Andreina Maisto illustrerà le fasi del progetto “Caregiver Per te che mi sei accanto”, assieme alla sociologa che coordina gli interventi Angela Palma, portando le testimonianza dei beneficiari del progetto e analizzando i dati raccolti dal questionario sul grado di soddisfazione somministrato nei giorni scorsi. Alle 12, invece, si svolgerà la tavola rotonda “Caregiver, migliorare la qualità della vita di chi si prende cura di un malato”, moderata dal giornalista Michele Pisani, sulle prospettive future con Caterina Musella, presidente A.I.M.A.; Antonio Arzillo, Centro Sportivo Fiamma, ente che promuove il progetto; Sossio Fardello, direttore Conf. Cooperative Campania.

COMUNICATO STAMPA