Mamme disabili in rivolta, servizio sospeso per tutti. Protesta fuori al Comune

Mamme disabili in rivolta, servizio sospeso per tutti. Protesta fuori al Comune

Dopo una lunga attesa una delegazione delle mamme è stata accolta da De Luca. Il primo cittadino si difende: “In difficoltà l’intero


Dopo una lunga attesa una delegazione delle mamme è stata accolta da De Luca. Il primo cittadino si difende: “In difficoltà l’intero ambito sociale”. Sabato nuovo incontro

 

QUALIANO – Ennesima protesta questa mattina al Municipio. Protagoniste le mamme dei bambini disabili escluse dal servizio di  trasporto. Le donne si sono presentate in piazza del Popolo, come già era successo nei mesi precedenti, per chiedere all’assessore alle politiche sociali, Francesco Odierno, chiarimenti in merito alla questione del trasporto disabili.

L’argomento era già approdato nell’ultimo consiglio comunale a seguito di un’interrogazione da parte dell’opposizione che aveva scatenato un vespaio di polemiche. In quell’occasione l’assessore aveva spiegato dell’esistenza di un regolamento di ambito, che riservava tale agevolazione a particolari soggetti escludendone altri. Aveva congedato poi le mamme con una promessa: quella di ripristinare entro 15 giorni il servizio anche per gli esclusi, mettendo a disposizione un nuovo pulmino.

In realtà sembrerebbe che il servizio sarà sospeso per tutti, anche a coloro i quali fino ad ora era stato garantito a pieno diritto. Esasperate, le donne questa mattina si sono presentate al comune ma sono riuscite solo ad incrociare Odierno senza riuscirci a parlare. Dopo una lunga, snervante attesa, a metà mattinata sono state ricevute dal sindaco De Luca il quale ha accolto nel suo ufficio una rdelegazione di mamme per dare loro delle spiegazioni.

“Ad essere in crisi non è solo il servizio trasporto disabili ma l’intero ambito sociale, il quale dovrebbe garantire i livelli essenziali di assistenza alle fasce più disagiate della popolazione come l’assistenza domiciliare, aiuti alle madri nubili, ai minori a rischio e ai disabili”, spiega il primo cittadino. Sembrerebbe quindi che l’intero Ambito N16 sia in gravi difficoltà. “Con il commissariamento di tale ambito ogni attività destinata ai più bisognosi è a rischio ed ogni servizio rischia di essere sospeso” aggiunge, chiarendo che le difficoltà che sta affrontando il comune di Qualiano stanno interessando anche gli altri in ambito con esso e cioè Melito, Mugnano, Calvizzano e Villaricca.

Intanto domani il Sindaco incontrerà il dottor Grimaldi, assessore alle politiche sociali, presso la Regione per discutere della difficile situazione. Ha poi invitato le mamme a ripresentarsi sabato mattina per fare il punto della situazione.