Omicidio di Via Ripuaria: il cadavere potrebbe essere di Antonio Iavarone

Omicidio di Via Ripuaria: il cadavere potrebbe essere di Antonio Iavarone

 L’uomo di 32 anni e con piccoli precedenti penali risulta irrintracciabile da ieri pomeriggio GIUGLIANO – Potrebbero essere ad una svolta le


 L’uomo di 32 anni e con piccoli precedenti penali risulta irrintracciabile da ieri pomeriggio

GIUGLIANO – Potrebbero essere ad una svolta le indagini sull’omicidio di ieri pomeriggio in Via Ripuaria. Il corpo carbonizzato ritrovato nella Renault Megane data alle fiamme, sarebbe di Antonio Iavarone, di 32 anni, con piccoli precedenti penali e scomparso ieri pomeriggio.

Per ora conferme non ce ne sono e si attendono gli esami autoptici. Tuttavia, anche l’uomo, in passato, avrebbe subito un intervento alla gamba, corrispondente, forse, alla protesi al femore sinistro ritrovata all’interno della vettura.

La vittima, dagli ultimi rilevamenti, è stata uccisa con un colpo di pistola alla testa. Sul luogo del delitto infatti, è stata ritrovata una pistola magnum 357 scarica oltre ad un’ogiva.

L’auto bruciata, apparteneva invece ad una donna di 45 anni residente, come così altri parenti dell’uomo sparito ieri, in Viale Parco della Noce ed era utilizzata dal convivente di sua figlia dal quale ha avuto due bambini.

In ogni caso, si attendono sviluppi per capire la reale identità della vittima dell’omicidio. L’ipotesi è che il delitto sia legato ad un regolamento di conti all’interno della criminalità organizzata.