Qualiano, il trasporto disabili approda in consiglio. Maggioranza e opposizione si spaccano

Qualiano, il trasporto disabili approda in consiglio. Maggioranza e opposizione si spaccano

Ieri scontro in assise. Presenti anche le mamme dei bimbi. Onofaro strappa la promessa: “In 15 giorni si risolve il problema”. Odierno


Ieri scontro in assise. Presenti anche le mamme dei bimbi. Onofaro strappa la promessa: “In 15 giorni si risolve il problema”. Odierno si difende: “Il regolamento non poteva essere modificato”

 

QUALIANO – Consiglio comunale infuocato quello di ieri a Qualiano. Ancora il trasporto dei disabili al centro del dibattito. Il capo dell’opposizione Salvatore Onofaro ha esordito con una interrogazione consiliare, non prevista nei punti all’ordine del giorno, in merito alla questione. “Non esistono disabili di serie A o serie B” ha sottolineato a gran voce, ripercorrendo poi tutta l’odissea attraversata in questi ultimi mesi: dalla gara di appalto informale sino ad arrivare alle polemiche intorno al regolamento che ha portato all’esclusione di 30 bambini disabili dal servizio.

“Bisogna fare una modifica del regolamento ed assicurare il trasporto ad un gruppo di 50 bambini. Non 1000”, ha sottolineato. La sala si scalda, il coro di mamme si fa sentire, tra applausi ed accuse e più volte il presidente richiama consiglieri e cittadini all’ordine. A chi accusa Onofaro di strumentalizzare la questione, il consigliere PDL ha risposto che “non vi sono motivazioni politiche ma motivazioni umane”. Infine il suo appello: “Troviamo la copertura di bilancio, utilizzate I fondi che avete a disposizione e garantiamo questo servizio”.

Anche Giovanni Palma, altro consigliere di minoranza, fa suo il pensiero di Onofaro sottolineando quanto le politiche sociali siano il motore trainante di tutte le azioni amministrative e che nel caso di specie occorre guardare la vicenda “con il cuore di genitore”.consiglioqualiano2

Secca la replica dell’assessore alle politiche sociali, Francesco Odierno. “Sottolineo che non bisogna fare politica in merito ad alcuni argomenti”, ha precisato. Odierno si è difeso sostenendo che “il regolamento di ambito in questione non può essere modificato”, ma che può essere emanata una delibera di giunta per disporre il trasporto anche dei bimbi esclusi dal servizio con l’aggiunta di un nuovo pulmino. I tempi? Onofaro riesce a strappare una promessa all’assessore: 15 giorni per trovare la copertura finanziaria.

Solo a quel punto le mamme hanno abbandonato la sala. Si è poi proceduto con i punti all’ordine del giorno. Al secondo, la nomina dei revisori dei Conti. Scelti Pezzullo,Santagata,Romano. Il terzo punto ha avuto invece per oggetto la lottizzazione abusiva in località “Pozzo Nuovo” e “Fellapane”. In merito,  il consigliere di minoranza Palma ha richiesto un PUC (piano urbano comunale) e rivolgendosi all’ assesssore all’urbanistica  ha proposto di incaricare un urbanista per sanare gli abusi in tempi più brevi e cambiare destinazione urbanistica delle zone in questione. La mozione viene approvata all’unanimità.

Finale col botto. In pochi minuti gran parte dei consiglieri di maggioranza hanno abbandonato l’aula e il consiglio viene sciolto senza aver portato a conclusione la discussione dei punti all’ordine del giorno per mancanza del numero legale, tra le polemiche dei consiglieri di minoranza e dei cittadini rimasti in sala.