Qualiano: scovato il superlatitante Mariano Riccio, protagonista della seconda faida di Scampia

Qualiano: scovato il superlatitante Mariano Riccio, protagonista della seconda faida di Scampia

In manette uno dei cento boss più pericolosi d’Italia. Capo degli scissionisti a soli 24 anni QUALIANO – Arrestato in una viletta 


In manette uno dei cento boss più pericolosi d’Italia. Capo degli scissionisti a soli 24 anni

QUALIANO – Arrestato in una viletta  il boss Mario “Mariano” Riccio. Stamane alle 7 un gruppo interforze di Polizia ha sorpreso il latitante in compagnia della fidanzata e del figlioletto. L’uomo non ha opposto nessuna resistenza al momento del blitz, portato avanti dagli agenti del Commissariato di Scampia e di Napoli. Riccio faceva parte dell’elenco dei cento latitanti più pericolosi, redatto dal Ministero dell’Intero.

A Secondigliano il nome dell’uomo è tristemente accomunato alla seconda del 2012 faida di Secondigliano, scoppiata tra gli Sciccionisti e i Girati per il controllo delle piazze di spaccio. Sulla testa del giovane camorrista pende una condanna 16 anni per associazione a delinquere di tipo mafioso e droga. Riccio è considerato la mente del clan Pagano-Amato. Il suo alleato nella seconda guerra di camorra, era Marco Di Lauro, quarto figlio dell’ex latitante Paolo.

ECCO IL VIDEO DELL’ARRESTO