Tares, ennesima protesta a Corso Campano. Ma il Comune è blindato

Tares, ennesima protesta a Corso Campano. Ma il Comune è blindato

Un centinaio di persone presidiano il Comune per l’ennesima protesta anti-tares. Le forze dell’ordine impediscono l’accesso a tutta l’area che circoscrive la


Un centinaio di persone presidiano il Comune per l’ennesima protesta anti-tares. Le forze dell’ordine impediscono l’accesso a tutta l’area che circoscrive la casa comunale

 

I manifestanti davanti all'ufficio tributi
I manifestanti davanti all’ufficio tributi

Ore 11 e 40: un drappello di manifestanti ha risalito Via Roma e ha bloccato il traffico in Piazza Gramsci, davanti all’ ufficio tributi del comune. Le forze dell’ordine però sono intervenute tempestivamente per rimuovere il presidio e riprstinare la circolazione stradale. Caos in strada. La circolazione in tutto il centro è paralizzata. I vigili sono in strada per cercare di deviare il flusso veicolare e permettere di sbloccare gli ingorghi.

Ecco il documento presentato ai commissari
Ecco il documento presentato ai commissari

Ore 10 e 30: I delegati dei comitati hanno letto un documento presentato a gennaio ai commissari, dal titolo “Operazione trasparenza ambientale”. Nessuna risposta è arrivata da parte della triade alle richieste presenti nel documento.

“Questi non ci considerano nemmeno – dichiara Luca – il contentino dello sconto da parte dei commissari è una riduzione che non prendiamo neanche in considerazione. Vogliamo pagare ma solo per quello che ci spetta e soprattutto vogliamo un servizio degno e una raccolta differenziata organizzata in modo soddisfacente”.

GIUGLIANO – Comune blindato per l’ennesima manifestazione anti-tares. Però il clima sembra meno teso. Dopo i provvedimenti di polizia presi dalla Digos, che ha sottoposto all’obbligo di firma alcuni manifestanti rei di aver avuto una condotta violenta durante le precedenti proteste, la rabbia sociale pare abbia lasciato spazio alla ragionevolezza. I manifestanti stavolta sono solo un centinaio, numero molto lontano dalle presenze alla proteste scorse.

I poliziotti e i vigili urbani guardano a vista i manifestanti e impediscono l’accesso a Piazza Municipio. Zona transennata e blindati dei Carabinieri posti di traverso per scongiurare blitz e incursioni della folla. Non mancano però improperi all’indirizzo delle forze dell’ordine e slogan che invocano le bonifiche e attaccano le istituzioni. “Siete camorra bianca autorizzata”, gridano. “Vogliamo le bonifiche, ci stanno mettendo le mani nelle tasche mentre i nostri figli muoiono”, l’urlo disperato di una manifestante.

Dall’alto del Comune gli agenti della Digos sorvegliano la protesta e filmano i manifestanti a caccia di eventuali azioni sovversive o manifestazioni violente. Non è previsto però nessun incontro oggi fra delegati e commissari. I manifestanti chiedono che l’amministrazione risponda ai punti inoltrati dai delegati e in particolare sulle percentuali di raccolta differenziata che non sono state ancora diffuse.

ECCO LE FOTO IN DIRETTA DALLA PROTESTA