Caos Giugliano, Sestile ritira la squadra. I calciatori: «siamo con te, ma ripensaci»

Caos Giugliano, Sestile ritira la squadra. I calciatori: «siamo con te, ma ripensaci»

Ieri il comunicato ufficiale della società, i tesserati scrivono una lettera al massimo dirigente chiedendogli di rivedere la decisione GIUGLIANO – «Annuncio


Ieri il comunicato ufficiale della società, i tesserati scrivono una lettera al massimo dirigente chiedendogli di rivedere la decisione

GIUGLIANO – «Annuncio la mia decisione di ritirare la squadra dal campionato, non su invito del presidente del Volla, Urbano, ma per una questione di etica e moralità assoluta», con queste parole Salvatore Sestile, presidente del Giugliano calcio, comunica una scelta che da giorni era nell’aria; a rispondergli, l’accorato appello di tutti i tesserati del club giuglianese in una lettera in cui ringraziano il presidente per tutto ciò che ha fatto finora, esprimendo solidarietà dopo i fatti di Mugnano, ma chiedondo anche un ripensamento sulla decisione di ritirare la squadra dal campionato di eccellenza.  Questo il testo integrale della lettera:

“Al nostro grande Presidente Salvatore Sestile.

Le immagini e la delusione degli eventi drammatici di domenica scorsa sono ancora vivi nei nostri occhi e nelle nostre coscienze di uomini di sport. La nostra avventura è partita con l’idea di contribuire a rilanciare l’immagine della nostra e vostra città che troppo spesso viene menzionata in questi eventi di cronaca nera.

 Il suo coraggio, amore per Giugliano insieme alla nostra passione non può essere umiliato e cancellato da eventi che non appartengono alla nostra cultura e coscienze di sportivi e soprattutto di uomini.

 La sua decisione di farsi da parte è condivisibile. Lei è uomo di valori e di sport. Ha avuto la capacità di coinvolgere noi tutti nel suo progetto in maniera totale e incondizionata. Ci ha saputo guidare,caricare, motivare, appassionare in un’annata che ha avuto tante difficoltà ma che insieme tutti abbiamo sempre superato ed affrontato mettendoci la faccia.

Siamo stati insieme a lei protagonisti di una bella impresa sportiva e sociale avendo sempre sbattuto la porta a tutto ciò che non riguardava l’immagine pulita e sportiva.Abbiamo scelto di lottare insieme a lei per il bene dei colori gialloblù di squadra e città. Concludiamo implorandola di continuare a lottare insieme al gruppo di uomini che le è stato accanto dall’inizio e che vuole farlo fino alla fine”.

Ancora una volta, qualora la decisione del Presidente Sestile dovesse essere definitiva, a perdere sarebbe la parte sana della tifoseria giuglianese, che nella storia non si è era mai contraddistinta per episodi di simile gravità.