Caso Lavinaio. Interviene anche la commissione consiliare pari opportunità

Caso Lavinaio. Interviene anche la commissione consiliare pari opportunità

Il presidente Agostino Pentoriero: «vagliamo l’ipotesi di trasferire la bambina in un istituto privato»          MELITO – Le istituzionali locali


Il presidente Agostino Pentoriero: «vagliamo l’ipotesi di trasferire la bambina in un istituto privato»         

MELITO – Le istituzionali locali si mobilitano per il caso della piccola O., depennata dall’elenco degli alunni della materna di Via Lavinaio a causa delle troppe assenze dovute a diversi problemi di salute.

Dopo la lettera inviata al premier Renzi da parte del consigliere di Melito Adesso Raffaele Caiazza, ed un colloquio telefonico tra il primo cittadino Carpentieri e la dirigente scolastica del plesso, ad occuparsi della vicenda della bambina di soli 4 anni è ora la commissione consiliare pari opportunità e politiche sociali del Comune di Melito.

Nelle scorse ore, il presidente Agostino Pentoriero, ex assessore alle politiche sociali ed attuale membro dell’assise melitese in quota Pd, ha riunito i membri della commissione per tentare di sbloccare una situazione al momento ancora impantanata che vede O. ancora lontana da scuola.

«Anzitutto voglio esprimere la mia solidarietà alla bambina e ai suoi genitori per quanto sta accadendo» afferma Pentoriero.

«Io credo – prosegue il presidente della commissione pari opportunità – che solamente con il reintegro a scuola la piccola possa davvero superare questo brutto momento. Ci sono delle difficoltà anche a livello sociale che la bambina può risolvere anzitutto stando all’interno dell’ambiente scolastico; è la migliore soluzione. In proposito è mia intenzione ascoltare le ragioni che hanno indotto la dirigente scolastica ad assumere questa decisione.

Siamo pronti a vagliare l’ipotesi, anche tramite l’ausilio del Comune, di ricollocare la bambina in un istituto privato qualora sorgessero altre difficoltà nel reintegrarla nella sua vecchia scuola» conclude Agostino Pentoriero.

Ma Vincenzo Bortone, presidente del consiglio d’istituto dei genitori, afferma:«conosco Agostino ed è una gran brava persona, ha un cuore immenso ed è sempre presente e disponibile nell’affrontare le problematiche della Comunità MeliteseL’ ipotesi di proporre un’iscrizione in una scuola privata , secondo il mio parere potrebbe provocare alla piccola ulteriori problemi di inserimento in un nuovo contesto , vista la sua tenera età. Gia il giorno 18 Febbraio, quando si è presentata in classe e non è stata accettata a seguito del provvedimento diespulsione, la bambina si è sentita esclusa dal suo contesto».

Nel frattempo, dopo un esposto alla Procura della Repubblica da parte dei genitori di O., si attendono gli esiti delle indagini avviate dai carabinieri di Melito che hanno acquisito tutti gli atti (certificati medici a giustifica di oltre il 60% delle assenze compresi) per vederci chiaro sulla vicenda.