Il Mugnano si aggiudica il derby con l’Ardor Qualiano, colpaccio nei minuti di recupero

Il Mugnano si aggiudica il derby con l’Ardor Qualiano, colpaccio nei minuti di recupero

Finisce 3-2 in rimonta per il Mugnano al termine di una partita rocambolesca. Decisiva un’autorete nel finale di gara   QUALIANO –


Finisce 3-2 in rimonta per il Mugnano al termine di una partita rocambolesca. Decisiva un’autorete nel finale di gara

 

QUALIANO – Il Mugnano City torna dal “Santo Stefano” di Qualiano con tre punti fondamentali in ottica salvezza. Un bottino conquistato al termine di una partita rocambolesca, in cui la squadra del presidente Canditone subisce il doppio svantaggio prima di rialzare la testa e firmare il colpaccio nei minuti di recupero. A pesare, sin dalle battute iniziali, è l’alta posta in palio, con le due formazioni in cerca dei punti necessari per allontanarsi dalle sabbie mobili dei play out.

La tensione gioca brutti scherzi soprattutto gli ospiti. Al 18’, infatti, Passariello alza un po’ il gomito in area di rigore e l’arbitro non ha dubbi nel concedere il penalty al Qualiano. Sul dischetto va il bomber Iannini. Castigli è trafitto e l’Ardor può festeggiare così il momentaneo vantaggio. Il Mugnano tenta la reazione con Mirra e Vallefuoco, ma senza troppa convinzione, e il primo tempo si conclude con sortite sterili da entrambi i fronti.

Tutt’altra musica nella ripresa, dove succede praticamente di tutto. Passano pochi minuti ed il doppio fallo di Papi e Pignatelli su Rossi vale il secondo rigore per i padroni di casa. Anche questa volta Iannini non fallisce e regala all’Ardor Qualiano il 2-0. Sembra fatta per i qualianesi, ma il Mugnano decide che è tempo di mettere in campo tenacia ed orgoglio. L’arrembaggio degli ospiti si rivela efficace e Feniello, sugli sviluppi di un angolo, buca la rete con un bel colpo di testa che consente ai suoi di accorciare le distanze.

La gara continua ad essere giocata sul filo dei nervi ed anche la difesa qualianese cade nella trappola del fallo da rigore. Dopo averne realizzati due, è il Mugnano ad avere la possibilità di capitalizzare dagli undici metri, in virtù dell’atterramento di Feniello. La responsabilità è tutta sul piede di Mirra, che con freddezza sigla il 2-2. Ancora inebriati dall’euforia del pari, gli ospiti tentano il colpo del k.o. con Vallefuoco, che trova il palo a negargli il goal, e con Canditone(subentrato a Mirra), che tira addosso al portiere del Qualiano.

Ma è nel finale che il match regala le emozioni più forti. Il Qualiano si ritrova in dieci per l’espulsione di Rossi per doppia ammonizione ma il peggio per i padroni di casa deve ancora arrivare. Al terzo dei cinque minuti di recupero concessi dall’arbitro, infatti, sopraggiunge la clamorosa beffa per l’Ardor: Colesanti libera un tiro cross e, complice la deviazione decisiva della retroguardia qualianese, la sfera termina in rete. Qualiano battuto e gioia inattesa per il Mugnano, che può così uscire vittorioso dal derby di Napoli nord. Un successo in extremis che porta gli uomini di mister Cipolletta fuori dai play out a quattro turni dalla fine del torneo.