Marano, via del Mare al buio da due mesi: cittadini sul piede di guerra

Marano, via del Mare al buio da due mesi: cittadini sul piede di guerra

I residenti minacciano di denunciare l’Ente per interruzione di pubblico servizio MARANO. Illuminazione stradale assente, cittadini sul piede di guerra. Da oltre


I residenti minacciano di denunciare l’Ente per interruzione di pubblico servizio

MARANO. Illuminazione stradale assente, cittadini sul piede di guerra. Da oltre due mesi ormai i lampioni pubblici di via del Mare sono infatti spenti, lasciando alcuni tratti completamente avvolti dall’oscurità. L’importante arteria, oltre a collegare Marano con la zona dei Camaldoli, è tra le più pericolose della città poiché ha una pendenza di oltre il dieci per cento.

A questo vanno poi aggiunte le pessime condizioni in cui versa da oltre un anno il manto stradale, caratterizzato da una serie di fossi, buche e voragini che rendono l’illuminazione pubblica quanto mai necessaria. Una situazione di disagio e di pericolo, insomma, per tutti quei cittadini che vivono nelle centinaia di parchi, sorti lungo la strada, e per gli automobilisti che attraversano l’arteria. « Ormai siamo senza illuminazione da Gennaio – dichiarano alcuni residenti di via del Mare – Questa strada è diventata ancora più pericolosa. Tra i fossi e la mancanza di luce, il rischio di incidenti stradali è elevatissimo».

In settimana un gruppo di residenti si recherà al Comune per chiedere ulteriori chiarimenti, altri invece minacciano di denunciare l’Ente e la ditta che gestisce il servizio per interruzione di pubblico servizio. Intanto non è ancora chiaro il motivo per cui i lampioni nella parte alta di via del Mare siano lasciati spenti da mesi. Secondo la Lep, la ditta che gestisce il servizio di illuminazione stradale, quei lampioni necessitano di una manutenzione straordinaria i cui costi però sarebbero a carico dell’Ente.