Qualiano, la villa comunale chiude. L’opposizione attacca: “Un fallimento”

Qualiano, la villa comunale chiude. L’opposizione attacca: “Un fallimento”

Il polmone verde della città chiuso per inagibilità. Secondo la minoranza, la colpa non è dei vandali ma dell’isola ecologica voluta all’interno


Il polmone verde della città chiuso per inagibilità. Secondo la minoranza, la colpa non è dei vandali ma dell’isola ecologica voluta all’interno dall’attuale amministrazione

Chiusa la villa comunale di Qualiano per inagibilità. Lo stato d’incuria nel quale versava da mesi avrebbe portato al deterioramento della struttura, che potrebbe rappresentare un pericolo per coloro che la frequentano, in primis per i bambini.

A questa decisione del sindaco hanno fatto però seguito numerose critiche, non solo da parte di cittadini sui social network,  ma anche dei consiglieri di opposizione, i quali hanno affidato il loro disappunto a un comunicato stampa.

Secondo i consiglieri di opposizione, la causa del deterioramento della struttura sarebbe da imputare alla presenza di un’isola ecologica all’interno della villa comunale, presente dallo scorso agosto fino a pochi giorni fa. “Presenteremo un esposto in caserma per chiarire che i danni causati nell’area dove erano posizionati i cassoni, ovvero pavimentazione divelta e la rottura dei lampioni, non sono stati causati da atti vandalici ma dalla cattiva gestione dell’improvvisata “isola ecologica”, prima aperta e poi chiusa da parte dell’amministrazione comunale”, scrivono  i consiglieri di minoranza nel comunicato.villa comunale3

Il documento prosegue elecando i disagi di cui sarebbe responsabile la maggioranza: “Dopo aver chiuso il mercato rionale, dopo aver chiuso al pubblico il campo sportivo, dopo la tentata chiusura del centro anziani, dopo la sospensione di tutti i servizi sociali compreso il trasporto disabili,  quest’amministrazione si rende protagonista di un nuovo fallimento, la chiusura della villa comunale”.

Poi aggiungono: “Ancor più grave è la soluzione che si vuole dare: attraverso uno dei soliti affidamenti diretti a ditte di fiducia si è deciso di realizzare un’ altra isola ecologica improvvisata a via Orazio sul suolo di proprietà comunale”.

Il documento si conclude infine con un appello a chi vuole cambiare davvero Qualiano ed ancora ci crede: “Chiudiamo immediatamente questa pagina buia ed infelice della storia del nostro paese e voltiamo pagina mandando a casa chi ha innestato da sette mesi la retromarcia e si è impuntato a non cambiare direzione”.