Reati ambientali. Villaricca, Qualiano e Marano si costituiscono parte civile

Reati ambientali. Villaricca, Qualiano e Marano si costituiscono parte civile

I tre enti comunali hanno dato incarico a propri legali di fiducia di seguire tutto l’iter processuale a carico della famiglia Bidognetti


I tre enti comunali hanno dato incarico a propri legali di fiducia di seguire tutto l’iter processuale a carico della famiglia Bidognetti

 HINTERLAND – I Comuni del comprensorio si costituiscono parte civile nel processo penale contro la famiglia criminale dei Bidognetti, accusati di reati ambientali perpetrati nei territori a nord di Napoli.

Gli enti comunali di Villaricca, Qualiano e Marano, oltre alla Provincia di Napoli, hanno infatti deciso di intraprendere un’azione legale contro lo scempio del territori compresi nella “Terra dei Fuochi’’ dando incarichi a propri legali di fiducia di seguire l’iter del processo a carico della frazione dei casalesi al cui vertice c’era il boss Francesco Bidognetti.

«Il confine con il territorio di Giugliano ci fa essere direttamente interessati al disastro ambientale contestato agli imputati. Tali attività criminose che hanno provocato la contaminazione del terreno, dell’acqua e dell’aria, sono tali da aver provocato ripercussioni sulla salute dei nostri cittadini. E’ in rispetto ai qualianesi che ci siamo costituiti parte civile» afferma il primo cittadino di Qualiano Ludovico De Luca.

Per l’amministrazione comunale di Villaricca e il sindaco Francesco Gaudieri, il costituirsi parte civile è «un atto dovuto, nel rispetto della legalità e di tutti i cittadini del nostro territorio. Una decisione che segna anche la solidarietà con gli altri comuni del nostro territorio e dell’amministrazione provinciale di Napoli».

Anche l’ente comunale maranese ha approvato, nelle ultime ore, una delibera con la quale, l’ente di Corso Umberto attualmente retta dalla fascia tricolore Angelo Liccardo, si costituisce, come gli altri 2 comuni confinanti, parte civile nel processo.