Calvizzano, il consigliere Biagio Sequino attacca Salatiello sul Puc: «Vuole controllare tutto senza ingerenze esterne»

Calvizzano, il consigliere Biagio Sequino attacca Salatiello sul Puc: «Vuole controllare tutto senza ingerenze esterne»

La decisione del sindaco di far redigere un nuovo Piano al Politecnico di Torino continua ad accendere le polemiche   CALVIZZANO –


La decisione del sindaco di far redigere un nuovo Piano al Politecnico di Torino continua ad accendere le polemiche

 

CALVIZZANO – Il punto e a capo sul Puc deciso dal sindaco di Calvizzano Giuseppe Salatiello sta infiammando da settimane la polemica politica in città. La scelta di bocciare il piano urbanistico redatto dall’amministrazione Granata, quasi ultimato, per affidare una nuova stesura al Politecnico di Torino, sta sollevando molte critiche tra chi accusa il primo cittadino di incoerenza.

Duro il commento sulla vicenda del consigliere di minoranza Biagio Sequino: «Due anni fa, quando era sindaco Granata, Salatiello invocava la costituzione della Commissione trasparenza, ora che è lui ad essere sindaco, le cose sono cambiate. Non c’è neppure una Commissione urbanistica, ed avendo lui la delega al ramo, vuole controllare tutto senza ingerenze. È chiaro che Salatiello vuole essere l’unico interlocutore in questa situazione, senza aprirsi al confronto con la cittadinanza».

Lo strumento urbanistico è atteso a Calvizzano da trent’anni. Negli ultimi sei, per ben tre volte è stato spazzato via. Forti erano stati i contrasti anche nel corso della precedente amministrazione, ma questa volta la conclusione dell’iter sembrava potesse essere vicina. Un’illusione svanita con il ricorso ai professionisti dell’università torinese, che rimescola le carte e dà il via ad un nuovo e contestato percorso.