Melito. Città invasa dagli abusivi anche alla domenica delle palme, scatta la polemica

Melito. Città invasa dagli abusivi anche alla domenica delle palme, scatta la polemica

Il presidente della Confcommercio Antonio Papa: «inutile, a questo punto, che i commercianti regolari paghino la tassa per l’occupazione di suolo pubblico»  MELITO


Il presidente della Confcommercio Antonio Papa: «inutile, a questo punto, che i commercianti regolari paghino la tassa per l’occupazione di suolo pubblico»

 MELITO – A Melito tornano a fare capolino gli abusivi. Durante la celebrazione della domenica delle palme infatti, dalle prime ore del mattino diversi commercianti ambulanti, assolutamente non autorizzati ad esporre la propria merce, hanno invaso le strade cittadine, anzitutto quello del centro.Palme simbolo della Pasqua, uova di cioccolato ed altri prodotti tipici della festività durante la quale si ricorda la resurrezione di Gesù Cristo, venduti anche a pochi centimetri dalle corsie automobilistiche da chi non ha un’attività fissa. I marciapiedi, di conseguenza, diventano difficilmente percorribili con il caos che aumenta a dismisura.

Duro il commento del presidente della Confcommercio Melito Antonio Papa che da tempo si sta battendo per il rispetto delle regole commerciali in città, dopo anche l’approvazione in consiglio comunale del regolamento per l’occupazione del suolo pubblico. «Durante la giornata di domenica, arterie principali della città come via Roma erano totalmente invasa dagli abusivi. Una cosa ignobile, non certo un bel biglietto da visita per Melito. Una scena che si ripete troppo spesso senza che si ovvi al problema in maniera seria e concreta. Dopo l’ultima operazione condotta ed il sequestro di prodotti alimentari sprovvisti delle necessarie norme igienico-sanitarie e le susseguenti parole proferite dal comandante dei vigili urbani mi sarei aspettato, anche in questo caso, un’azione tempestiva da parte della polizia municipale melitese» afferma senza giri di parole il responsabile di categoria.«Mi chiedo – prosegue – che senso ha che un regolare esercente sulla stessa strada, come accaduto ad esempio lo scorso weekend, paghi 45 euro di tassa di occupazione di suolo pubblico se poi gli abusivi possono commerciare liberamente senza sottostare a nessuna regola.Personalmente, unitamente all’assessore alle attività produttive dell’attuale amministrazione, avevo nuovamente segnalato il problema ma non si è intervenuti. Ci auguriamo che vengano presi veri provvedimenti in futuro».