Nuovi sequestri da parte della Municipale sulla rotonda di Auchan. Ma la viabilità?

Nuovi sequestri da parte della Municipale sulla rotonda di Auchan. Ma la viabilità?

Giro di vite contro i venditori abusivi di statue e oggetti religiosi. Nelle vie cittadine però regna il caos. Strade chiuse, ingorghi,


Giro di vite contro i venditori abusivi di statue e oggetti religiosi. Nelle vie cittadine però regna il caos. Strade chiuse, ingorghi, mancati controlli e nuovi sensi di marcia flop. Sotto accusa il Comando dei Vigili di Giugliano

 

GIUGLIANO – In queste ore gli agenti della Polizia Municipale stanno provvedendo al sequestro di statue e reliquie religiose ai danni di alcuni ambulanti sulla rotonda del parco commerciale Auchan. 200 circa le statue raffiguranti santi, Madonne e Padre Pio finiti sotto chiave. Il venditore che ingombrava con la merce mezza carreggiata era privo delle autorizzazioni necessarie. Pochi giorni fa invece ha suscitato clamore il provvedimento dei vigili nei confronti dello storico ambulante di castagne e fave che era solito appostarsi col suo triciclo nel centro storico, fra Via Roma e Piazza Matteotti.

Non si arresta dunque l’azione di contrasto della Polizia Municipale alle illegalità diffuse sul territorio. Ma se sul fronte degli abusi, i caschi bianchi incassano risultati positivi, non si può dire lo stesso per la viabilità. Numerosi i disagi della circolazione denunciati dai cittadini giuglianesi. Ingorghi, macchine in doppia fila, assenza di posti di blocco, conducenti di motorino senza casco. Nelle strade di Giugliano sembra ritornato il caos degli anni ’90. In particolare, i nuovi sensi di marcia di Via Giuseppe di Vittorio e Via Dante Alighieri hanno creato traffico e ridotto la disponibilità dei parcheggi ai lati della carreggiata. I commercianti della zona da tempo lamentano un decremento del numero dei clienti e un calo delle vendite.

A rendere ancora più complicata la situazione della viabilità anche la chiusura al traffico di alcune strade, come via Labriola, in attesa di apertura, e il Vico ‘e Miciano, stradina laterale che collega Via Aniello Palumbo al Corso Campano, e attualmente inaccesibile per inagibilità di alcuni edifici. L’unico servizio che sembra davvero funzionare è la sosta a pagamento. Gli ausiliari del traffico, dipendenti della società partecipata che gestisce il servizio, multano con solerzia chiunque non esibisca il grattino sul parabrezza della propria auto. Non vengono però multati i conducenti delle auto parcheggiate in divieto di sosta, o in doppia fila. Sanzioni, queste, che possono essere irrogate soltanto dagli agenti della Polizia Municipale, che, in strada, si vedono raramente.

Una stranezza, se si pensa che il nuovo Comandante dei caschi bianchi, Maria Rosaria Petrillo, insediatasi lo scorso ottobre, dispone di un organico rinforzato nell’ultimo anno dall’arrivo di dieci nuovi vigili urbani provenienti dalla graduatoria di Napoli. 59 agenti disponibili su un territorio vasto come quello giuglianese non saranno sufficienti, certo. Ma impiegarli per migliorare la viabilità e la circolazione stradale, oltre che per contrastare i fenomeni di illegalità, non pare, agli occhi dei giuglianesi, impresa impossibile.