Calvizzano, polemiche sulla selezione degli scrutatori. La maggioranza sceglie la nomina diretta, l’opposizione opta per il sorteggio

Calvizzano, polemiche sulla selezione degli scrutatori. La maggioranza sceglie la nomina diretta, l’opposizione opta per il sorteggio

Il consigliere di minoranza Sequino: «La maggioranza si è smentita ancora una volta ignorando la trasparenza». Riprese  video non consentite in aula


Il consigliere di minoranza Sequino: «La maggioranza si è smentita ancora una volta ignorando la trasparenza». Riprese  video non consentite in aula

CALVIZZANO – Commissione elettorale riunita questa mattina a Calvizzano per la scelta degli scrutatori in vista delle elezioni europee del 25 maggio. 40 in tutto i cittadini selezionati, 30 in quota maggioranza e 10 in quota opposizione. Ma ad emergere è stata soprattutto la diversità di vedute tra i presenti in aula e così, se l’opposizione, rappresentata da Angela De Vito, ha dato spazio al sorteggio per lo spoglio elettorale, il sindaco e i due componenti della commissione per la maggioranza, Santopaolo e Trinchillo, hanno optato per la contestata nomina diretta.

Una decisione fortemente criticata dalla minoranza. «La maggioranza si è smentita ancora una volta. In campagna elettorale si predicava trasparenza e adesso si fa tutt’altro», tuona il consigliere Biagio Sequino, che sulle operazioni di stamane aggiunge: «Avrei preferito che il sorteggio non fosse avvenuto tra tutti gli iscritti all’albo degli scrutatori, comprendente anche soggetti che non versano in condizioni economiche sfavorevoli, ma che si fosse fatto riferimento ad una lista composta da persone svantaggiate e che avrebbero tratto concreto beneficio dal corrispettivo in denaro previsto per gli scrutatori. Ad ogni modo, sempre meglio il sorteggio della nomina diretta».

Nella riunione di stamane a far discutere è stato soprattutto il modus operandi della maggioranza. Ma come è maturata la scelta di Salatiello e i suoi? A quanto pare, il sindaco si sarebbe esposto in favore della procedura del sorteggio, mentre Santopaolo e Trinchillo avrebbero spinto per la nomina diretta. A prevalere alla fine è stata quest’ultima, in linea con quanto prevede la legge in mancanza di unanimità. Ma tra gli scettici c’è chi pensa che lo stesso primo cittadino mirasse in realtà a selezionare direttamente gli scrutatori. Ed il clima questa mattina a Calvizzano non è stato tra i più sereni. A farne le spese il giornalista di Calvizzanoweb Mimmo Rosiello, al quale è stato impedito di riprendere le operazioni di scelta degli scrutatori.