Mugnano, al via il dopo Porcelli: ecco i nodi da sciogliere per il neo Commissario

Mugnano, al via il dopo Porcelli: ecco i nodi da sciogliere per il neo Commissario

Dal mercato ittico ai debiti fuori bilancio, tante le problematiche da risolvere in tempi brevi MUGNANO – Caduto Porcelli, restano delle problematiche


Dal mercato ittico ai debiti fuori bilancio, tante le problematiche da risolvere in tempi brevi

MUGNANO – Caduto Porcelli, restano delle problematiche importanti da districare. Il Commissario Prefettizio Claudio Vaccaro dovrà intervenire per affrontare varie questioni amministrative, infrastrutturali e occupazionali. Volendo partire dall’ultimo aspetto desta preoccupazione la condizione dei 14 dipendenti ex Munianum, oggi Simar. Lo scorso febbraio sottoscrissero un accordo di passaggio di cantiere che gli ha determinato una diminuzione degli orari di lavoro con annesso la decurtazione dello stipendio.

Questione Mercato Ittico. Il bando di gestione emanato dall’ente della durata di 7 anni scadrà il 15 maggio, in attesa della presentazione delle offerte è stata prorogato l’affidamento all’attuale società Scar per far continuare la normale amministrazione. Queste due settimane saranno fondamentali per capire il futuro dell’imponente struttura di vendita.

4 Milioni di Debiti fuori bilancio. L’ultima manovra comunale approvata lo scorso dicembre dalla consiliatura Porcelli individua diverse passività fino al 2015. Su questa contingenza il Commissario dovrà necessariamente fare economia. Si teme l’aumento delle imposte comunali o il taglio ai servizi.

Stato di agitazione della Polizia Municipale. A causa dei mancati pagamenti agli agenti delle indennità di turno, lo scorso 15 aprile, i sindacati di categoria hanno scritto al Prefetto di Napoli Musolino. Sott’accusa la mancata liquidazione dei fondi da 6 mesi. Questa condizione penalizza ulteriormente la sicurezza cittadina, in uno territorio già a rischio.