Qualiano, animi accesi nel consiglio di venerdì. Polemica sulle strisce blu

Qualiano, animi accesi nel consiglio di venerdì. Polemica sulle strisce blu

Piano parcheggi al centro dell’ultima assise comunale. Scontro anche sull’assunzione di 12 dipendenti al Comune che non risiedono in città QUALIANO –


Piano parcheggi al centro dell’ultima assise comunale. Scontro anche sull’assunzione di 12 dipendenti al Comune che non risiedono in città

QUALIANO – Piano parcheggi e strisce blu. Questi i temi che hanno tenuto banco nel consiglio comunale di Qualiano venerdì scorso. L’argomento è stato dibattuto per oltre due ore ed era solo il secondo degli otto punti all’ordine del giorno, fra i quali: l’organizzazione del “controllo analogo” Società Multiservizi spa, nomina di una commissione edilizia integrata, discussione ed approvazione del regolamento del servizio di trasporto sociale per disabili, installazione di chioschi su un suolo pubblico, regolamento comunale di gestione del compostaggio domestico.

Presenti in sala consiliare per presentare una relazione scritta, richiesta dall’opposizione, il comandante della Polizia Municipale Angelo D’Onofrio e l’ingegnere Salvatore Costantino. I due dirigenti hanno illustrato le varie fasi del progetto da loro redatto ed hanno risposto alle domande poste dai consiglieri di minoranza. Ancora una volta l’amministrazione viene accusata di mancanza di trasparenza e di non pubblicare atti e documenti.

È il consigliere Salvatore Onofaro a lamentare di aver atteso 76 giorni prima di poter consultare l’ordinanza relativa alle strisce blu. Gli animi si surriscaldano, l’opposizione parla di mancanza di stalli, su 1050 ne mancherebbero 268, ben il 25%. Non previsti nell’iniziale progetto, ritenuto dall’ingegnere Costantino “preliminare”, gli stalli sono stati integrati recentemente in strade secondarie della città. Procedura poco chiara per l’opposizione, legittima e giusta per i dirigenti i quali hanno sottolineato la necessità di dover consegnare alla ditta aggiudicataria della gara di appalto tutti gli stalli previsti e concordati. Se ciò non accadesse il Comune dovrebbe risarcire quest’ultima.

Sotto accusa anche la mancanza di proporzione di strisce blu, bianche e rosa. La discussione si sposta poi sull’assunzione di 12 dipendenti non residenti a Qualiano, scelta inaccettabile secondo l’opposizione in un periodo di crisi occupazionale come questo. Il sindaco risponde,a quest’ultima, chiarendo che la ditta che ha vinto la gara è privata e in quanto tale assume i suoi dipendenti a propria discrezione. Tra interventi, accuse e smentite I dirigenti e l’amministrazione comunicano che tra 10 giorni il servizio sarà attivo. La questione per gli esponenti di minoranza presenta ancora molteplici zone d’ombra.