A Giugliano arriva la moschea. Ma è già polemica sul web

A Giugliano arriva la moschea. Ma è già polemica sul web

Il centro di culto sorgerà a Via Marconi. Residenti sul piede di guerra: “Non li vogliamo fuori casa” GIUGLIANO – Non sarà


Il centro di culto sorgerà a Via Marconi. Residenti sul piede di guerra: “Non li vogliamo fuori casa”

GIUGLIANO – Non sarà una guerra di religione. E neanche la Jihad. Però la moschea aperta a Giugliano, nella cattolicissima città della Madonna della Pace, è destinata a far discutere. Il luogo di culto sorgerà a Via Guglielmo Marconi, non lontano dal popolare quartiere della Starza, all’interno di un immobile prima usato come supermercato.

Il centro ospiterà le cerimonie religiose dei tanti immigrati di fede musulmana che abitano l’hinterland napoletano. Le attività di culto dovrebbero partire a breve. Eppure la notizia ha già scatenato un vespaio di polemiche. Molti sono i cittadini della zona contrari alla moschea. “Le confessioni religiose diverse dalla nostra vanno rispettate – ha dichiarato al Meridiano News Raffaele Lagno, residente a Via Guglielmo Marconi – ma la zona è poco indicata ad ospitare un edificio religioso. Sorge infatti a pochi passi dal centro storico, dove la sosta selvaggia e il traffico la fanno da padroni”.

Non una questione di razzismo, dunque. Ma un problema logistico. A cui però si aggiungono anche rivendicazioni di tipo culturale: “Rispetto tutte le opinioni religiose e chi non crede, ma aprire una Moschea in Italia quando nel vostro paese non si è liberi di pensare, non lo posso accettare..”. Questa l’osservazione lanciata da Antonio Arzillo, responsabile del Centro Sportivo Fiamma, sulla bacheca di Facebook.

Non mancano infine le reazioni indignate di tanti altri giuglianesi, che pur non risiedendo nella zona “rossa” non vedono di buon occhio l’apertura di una moschea. “Non li voglio fuori casa mia”, scrive Mario. “Il Tribunale no e la moschea si? Giugliano è il paese delle banane”, commenta con un pizzico di sarcasmo Enrico. “Hanno usufruito anche di qualche sovvenzione statale?”, insinua Carlo.

Difficile sapere se prevarrà lo spirito di accoglienza e tolleranza o l’indignazione popolare. Sta di fatto che l’arrivo di una moschea dividerà la città e molti cittadini sono pronti a dare battaglia per tenere l’Islam lontano dalle Colonne di Giugliano.