E’ arrivato il comunicato del Policlinico: Ciro Esposito è morto.Tutta Napoli in lutto

E’ arrivato il comunicato del Policlinico: Ciro Esposito è morto.Tutta Napoli in lutto

Il tifoso napoletano sparato prima della partita di Coppa Italia, si è spento per un’infezione ai polmoni dopo 50 giorni di agonia.


Il tifoso napoletano sparato prima della partita di Coppa Italia, si è spento per un’infezione ai polmoni dopo 50 giorni di agonia. A Napoli De Magistris annuncia il lutto cittadino

ROMA – Ciro Esposito, il giovane tifoso del Napoli ferito a Roma prima della finale di Coppa Italia, è morto alle prime ore di questa mattina nel reparto di Rianimazione del Policlinico Gemelli, dove era ricoverato. Le sue condizioni si erano improvvisamente aggravate ieri, dopo svariati interventi chirurgici che avevano fatto sperare in un miglioramento. Cosciente quasi fino all’ultimo, era entrato in coma irreversibile. Esposito è morto “per insufficienza multiorganica non rispondente alle terapie mediche e di supporto alle funzioni vitali”, ha precisato Massimo Antonelli, direttore del Centro rianimazione del Gemelli, che ha anche espresso, nome di tutto il reparto “profondo cordoglio e vicinanza ai genitori di Ciro in questo momento di dolore per la perdita del proprio figlio”.

Dopo un lieve miglioramento, registrato nelle scorse settimane, le condizioni di Ciro, ricoverato da oltre un mese al Policlinico Gemelli di Roma, si erano nuovamente aggravate nei giorni scorsi a causa di un’infezione polmonare. Inutile è stato l’ultimo intervento chirurgico a cui il giovane napoletano era stato sottoposto lo scorso venerdì.

Lutto cittadino per la morte di Ciro Esposito. A comunicarlo è il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris attraverso un tweet che dice: “Ciro e’ morto e a Napoli proclamiamo il lutto cittadino. Per Ciro, per i familiari, per il nostro popolo. Per dire no al binomio calcio-violenza”.