Il consiglio comunale di Melito approva le delibera sulla perimetrazione del centro storico e sull’antiabusivismo

Il consiglio comunale di Melito approva le delibera sulla perimetrazione del centro storico e sull’antiabusivismo

Per alcuni provvedimenti favorevoli anche i voti della minoranza di Forza Italia MELITO – In consiglio comunale passano le delibere su perimetrazione


Per alcuni provvedimenti favorevoli anche i voti della minoranza di Forza Italia

MELITO – In consiglio comunale passano le delibere su perimetrazione zona A (centro storico) e sull’abusivismo edilizio. L’assise, in più, vota per le unioni civili. Con questa delibera di indirizzo, votata soltanto a maggioranza, si sono individuate tutte quelle aree non ancora sottoposte a SCIA (Segnalazione Certificata di inizio attività) della cosiddetta zona ‘’A’’, centro storico. «Ci saremmo aspettati una perimetrazione più ampia, tenendo presente anche ad esempio le zone della cosiddetta “219’’ costruita dopo il terremoto del 1980». «Non è possibile farlo in quelle zone» è stata la risposta di Alfredo Mariani del Pd.

Durante l’assise i gruppi di maggioranza hanno votato anche una delibera relativa all’abusivismo edilizio ed un altro punto all’ordine del giorno riguardante l’immediata esecuzione del Piano Regolatore Generale. In questo caso, come invece non era avvenuto con la delibera di indirizzo sulla zona “A’’ illustrata dal vicesindaco con delega all’urbanistica Marina Mastropasqua, anche parte dell’opposizione, ovvero i 3 consiglieri di Forza Italia Cerrota, Ponticiello e Marrone ha votato a favore. Contrari Pdl e Melito Nel Cuore. Nella maggioranza, in quest’ultimo caso, astenuti Per Melito Carpentieri Sindaco e Moderati. Il registro delle unioni civili (proposto dal consigliere di Melito Adesso Raffaele Caiazza) e l’allargamento (lavori per 3 milioni di euro) del liceo “Immanuel Kant’’ gli altri punti discussi ed approvati.Nel primo caso con astensioni e voti contrari in entrambi gli schieramenti. Nel secondo all’unanimità. In più l’assise ha ratificato l’adesione della città di Melito alla nuova convenzione (firmata nel pomeriggio di ieri) sul mantenimento dell’ufficio del Giudice di Pace di Marano che, per la città, avrà un costo complessivo di 62.000 euro annui.

«L’abusivismo edilizio ha devastato il nostro territorio. A breve vorremmo sapere, definitivamente, quali sono quei beni posti sotto sequestro e per le quali non si escludono ipotesi di abbattimenti, soprattutto in quegli ambiti dove è possibile usufruire delle finalità sociali del manufatto» afferma il vicesindaco Mastropasqua.

Il capogruppo di Forza Italia Marco Ponticiello, invece chiarisce: «sui punti posti all’ordine del giorno e votati insieme alla maggioranza ribadiamo ciò che abbiamo detto sin da subito. La nostra sarà un’opposizione costruttiva e per questo motivo volta per volta valuteremo il da farsi. Questa volta su alcuni provvedimenti relativi all’urbanistica abbiamo deciso il nostro voto favorevole dopo alcune riflessioni. Qualcuno dice che il gruppo di Forza Italia è spaccato. Non è così»