Melito, in via Signorelli rifiuti abbandonati e mancanza di igiene. Protestano i cittadini

Melito, in via Signorelli rifiuti abbandonati e mancanza di igiene. Protestano i cittadini

«Poche volte gli spazzini fanno il proprio dovere» è l’accusa dei residenti. La Melitomultiservizi:«sanzioneremo chi non fa il proprio dovere» MELITO –


«Poche volte gli spazzini fanno il proprio dovere» è l’accusa dei residenti. La Melitomultiservizi:«sanzioneremo chi non fa il proprio dovere»

MELITO – Piccoli cumuli di rifiuti posti sul ciglio della strada. Materiali di diverso tipo abbandonati qua e là. Deiezioni sparse un pò dovunque e un capannello di abusivi che di tanto in tanto compaiono vendendo soprattutto pesce, mitili o prodotti ortofrutticoli. E’ questo il quadro che offre via Signorelli. L’arteria stradale, che si snoda tra corso Europa e giunge nel territorio di Giugliano, è l’ennesima riprova dell’abbandono della periferia di Melito, che al dire il vero neanche al centro brilla per pulizia. Eppure, proprio in via Signorelli, sorgono diversi parchi residenziali, attività commerciali di un certo rilievo, supermercati ed anche alcuni studi di professionisti. Ma tutto ciò è reso vano, dal degrado diffuso e con una porzione di cittadini stanca di questo stato di cose.

«Gli spazzini non si vedono quasi mai in questa strada – affermano alcuni residenti – e anche quando ci sono non tutti fanno realmente il proprio dovere. Tantissime volte, gli addetti alla pulizia urbana, provvedono in maniera fugace allo spazzamento, raccolgono i rifiuti e poi li accumulano tutti sul ciglio della strada adducendo, in alcuni casi, che oltre non possono spingersi perché si sconfina nel territorio giuglianese. Questo però non basta a giustificare la mancanza di igiene in tutta via Signorelli».

Non va meglio nell’adiacente via delle Palme, dove si trova il campo sportivo comunale, da anni chiuso per i lavori di ristrutturazione. Anche qui stessa situazione. Sacchetti di plastica, scarti di supermercato, cartoni e avanzi di cibo fanno da corredo ad uno slargo che costeggia parchi privati tra i più grandi dell’intera città, sorti tra la fine degli anni ’80 ed inizio 90’.Ed anche in questo caso parte la girandola delle eventuali responsabilità. Di chi sono? Dei cittadini che non rispettano le regole (come nella esplosiva situazione delle due parti di corso Europa dove vengono puntualmente abbandonati rifiuti in strada praticamente a tutte le ore) o di chi è deputato alla cura del territorio e non fa il proprio dovere come invece accusano i residenti? Così come previsto nel piano industriale studiato dall’Ente comunale, a servire via Signorelli, anche in questo caso, è la Melitomultiservizi, società che si occupa dell’intero ciclo integrato dei rifiuti a Melito. Proprio secondo quanto previsto dagli accordi, via Signorelli viene spazzata soltanto due volte a settimana, come capita in diverse zone della periferia.

Comunque neanche la società stessa nega che ci sia qualcuno che non risponde propriamente ai requisiti di professionalità nel proprio mestiere. «Uno dei problemi principali – affermano dai vertici dell’azienda – è che anche a causa delle ferie dei dipendenti o particolari momenti in cui c’è bisogno di personale, capita che alcune zone non sono servite come dovrebbero. In ogni caso, tenendo fede alle lamentele del passato da parte di altri residenti di diverse parti di Melito, abbiamo inoltrato lettere di contestazione per chi non svolge al meglio la propria mansione. Anche nelle riunioni sindacali abbiamo ribadito che chi non fa il proprio dovere potrà essere sanzionato. Siamo sensibili alle esigenze dei cittadini».

 via signorelli 2   via signorelli 4  via signorelli 3