Protesta al comune per il ‘caso Bibì’, Cacciapuoti: «Permessi solo con gara pubblica»

Protesta al comune per il ‘caso Bibì’, Cacciapuoti: «Permessi solo con gara pubblica»

Carabinieri e Municipale a fronteggiare i manifestanti, tra i politici c’era solo l’assessore ai lavori pubblici VILLARICCA –Giornata infuocata anche per la


sicurezza stradaleassessore Villaricca Udc

Carabinieri e Municipale a fronteggiare i manifestanti, tra i politici c’era solo l’assessore ai lavori pubblici

VILLARICCA –Giornata infuocata anche per la politica. Dopo lo sgomberò delle bancherelle di Bibì sulla circumvallazione esterna, alcune donne sono andate a protestare fuori la porta del sindaco Francesco Gaudieri. Le manifestanti chiedevano un’ autorizzazione temporanea di vendita per 4 mesi.

Il magistrato del Tar era a Salerno a presenziare ad un udienza. Assente anche il vicesindaco Giovanni Granata  recatosi fuori città. Da registrare l’assenza dell’assessore delle Attività produttive Mario Molino, al momento del sit-in. Gli unici a fronteggiare i manifestanti sono stati i Carabinieri agli ordini del maresciallo Colella, la Polizia Municipale locale e l’assessore ai lavori pubblici Raffaele Cacciapuoti.

«Sono stato chiamato da Colella per cercare di sedare gli animi, dando rassicurazione sul fatto che stiamo cercando spazi idonei ad attività commerciali. La aree pubbliche devono essere assegnata tramite una manifestazione d’interesse, sul tema l’ufficio tecnico sta lavorando. Tra l’anno 2010-2011 gli è stata concesso un permesso momentaneo, gli ho spiegato che oggi non è più possibile alla luce della trasparenza, della legalità e nel rispetto dei commercianti del luogo – conclude l’esponente dell’Udc – Abbiamo approvato un delibera di giunta per la regolamentazione delle attività degli operatori non professionali su aree pubbliche».