Bilancio di previsione, l’approvazione a Melito slitta al 30 settembre

Bilancio di previsione, l’approvazione a Melito slitta al 30 settembre

La proroga, che riguarda tantissimi Comuni italiani, decisa a seguito della Conferenza Stato-Città dello scorso 10 luglio MELITO –  Proroga al 30


La proroga, che riguarda tantissimi Comuni italiani, decisa a seguito della Conferenza Stato-Città dello scorso 10 luglio

MELITO –  Proroga al 30 settembre per l’approvazione del bilancio di previsione 2014. L’Ente di via Salvatore Di Giacomo infatti, a seguito di quanto stabilito dalla Conferenza Stato-Città dello scorso luglio, non sarà più costretto ad approvare il nuovo esercizio finanziario entro il prossimo 30 luglio, come precedentemente stabilito. Tale rinvio non riguarderà solo Melito, ma anche tantissimi altri Comuni italiani.

«Il provvedimento di proroga – si legge nella nota dell’Anci, l’Associazione Nazionale Comuni Italiani, – si è reso necessario poiché sono ancora numerosi i Comuni che non hanno predisposto il bilancio di previsione a causa della perdurate difficoltà di disporre in maniera completa dei dati in ordine alle effettive risorse finanziarie disponibili a causa delle molteplici innovazioni nei criteri del prelievo fiscale immobiliare. La necessità di tenere conto delle recenti disposizioni normative introdotte dal decreto-legge 24 aprile 2014, numero 66, convertito in legge il 23 giugno 2014 numero 89 che prevedono un ulteriore concorso delle provincie e dei comuni alla riduzione della spesa pubblica» e «l’attuale mancata conoscenza delle assegnazioni di diversi ulteriori fondi per un miliardo di euro, attualmente in corso di elaborazione presso il Ministero dell’Economia».

 Inoltre, il nuovo termine per la deliberazione del bilancio, stabilisce anche le date ultime per la determinazione delle aliquote o tariffe dei tributi o servizi comunali. In generale per tutti i Comuni: Imu, 21 ottobre 2014, Tasi 10 settembre 2014, Tari 30 settembre 2014.