Campetti di via Danubio a Melito: in attesa degli interventi di riqualificazione il degrado è ancora diffuso

Campetti di via Danubio a Melito: in attesa degli interventi di riqualificazione il degrado è ancora diffuso

Dalla Regione arrivano i fondi per 110.000 euro. L’assessore ai lavori Pubblici Gennaro Maisto: «l’intenzione è di dare i campetti in gestione» MELITO


Dalla Regione arrivano i fondi per 110.000 euro. L’assessore ai lavori Pubblici Gennaro Maisto: «l’intenzione è di dare i campetti in gestione»

MELITO – Le recinzioni oramai divelte con la possibilità di intrufolarsi in qualunque momento. Le porte da calcio, quando ci sono, mancano delle consuete reti. Anche i pali di sostegno pare possano venir via con la prima folata di vento. Tutto intorno degrado, immondizia, oltre al senso di abbandono che un vecchio campo di bocce oramai in disuso chissà da quanto fa comprendere alla perfezione. Si presentano così oggi i campetti di via Danubio, nel cuore di una dei due quartieri di edilizia post terremoto “219’’, nei pressi di via Cimitero. All’interno di uno di questi spazi, che non possono certo definirsi il massimo per svolgere attività sportiva, diversi ragazzini giocano come sempre a calcio, indossando le maglie (contraffatte) dei loro idoli di oggi. Si passando la palla e provano dei tiri, nonostante non ci siano le porte. Le condizioni di sicurezza, a causa delle recinzioni malmesse, logorate dal tempo e probabilmente vandalizzate più volte, senza dubbio non inducono a star tranquilli. Il pericolo per l’incolumità fisica dei ragazzini persiste anche se a loro stessi sembra non interessare. Fondamentale per loro è soltanto giocare. Da tanti anni si parla di riqualificare quegli spazi situati in una zona della città storicamente difficile e in qualche caso ostica al rispetto delle regole. In questo senso basti soltanto ricordare l’ultima operazione in ordine di tempo condotta qualche giorno fa dalla locale polizia municipale che ha portato all’ abbattimento di manufatti abusivi adibite a gabbie all’interno delle quali stazionavano cani di grossa taglia e situate a pochi passi dai campetti. Eppure, sino ad una decina di anni fa, qualche piccola manifestazione sportiva, ovviamente amatoriale, è andata in scena una tantum. Ma poi il vuoto ha prevalso.

 Ora arriva la notizia della riqualificazione di quei campi grazie ad un contributo di oltre 110.000 euro elargiti dalla Regione Campania ai quali saranno aggiunti circa 25.000 euro di fondi provenienti dalle casse comunali. «Questo finanziamento ci permetterà di dare un nuovo volto a quei campetti. Grazie al lavoro in sinergia fatto con l’assessore alle politiche sociali Stefano Rostan siamo riusciti ad avere a disposizione questi fondi che rischiavano di essere persi. L’obiettivo principale è quello di occuparsi del territorio, di riqualificarlo, di migliorarlo come è intenzione di quest’amministrazione» afferma il titolare dell’assessorato ai lavori pubblici Gennaro Maisto. Ma una volta messi a nuovo come verranno utilizzati questi spazi? «L’intenzione – aggiunge l’assessore Maisto – è quello (con un’operazione simile, nelle intenzioni, alla villetta comunale di via Lavinaio ndr.) di dare in gestione i campetti a tutte quelle associazioni o enti che mostreranno interesse a prendersene cura».