La comunità di Marano saluta un altro figlio: dolore e rabbia ai funerali di Giulia Menna

La comunità di Marano saluta un altro figlio: dolore e rabbia ai funerali di Giulia Menna

Don Costantino: “Abbiate la forza di perdonare” e poi l’ urlo di dolore della famiglia: “Non perdoneremo mai”. MARANO – Sono oltre


Don Costantino: “Abbiate la forza di perdonare” e poi l’ urlo di dolore della famiglia: “Non perdoneremo mai”.

MARANO – Sono oltre mille le persone che questo pomeriggio si sono recate allo stadio comunale per dire addio un’ultima volta Giulia Menna, la 15enne investita mentre era seduta ai tavoli di un fast food in piazzale Arafat. A distanza di un giorno dai funerali di Salvatore Giordano, la comunità di Marano si riunisce nuovamente per salutare un altro suo figlio. La cerimonia funebre è stata officiata dal parroco Costantino Rubini.

Prima delle esequie, gli amici più cari della 15enne hanno detto alcune parole per ricordare la generosità, l’allegria, la dolcezza della piccola Giulia. “Trasmettevi sempre gioia, regalavi sempre un sorriso a tutti – hanno letto gli amici, senza riuscire a trattenere le lacrime – E proprio quel sorriso non riusciremo mai a dimenticarlo. Vivrai per sempre nei nostri cuori”. Intensa l’omelia di don Costantino:”Viene da chiedersi dove sia Dio quando accadono queste cose: non perdete la fede, Giulia continua a vivere in noi e nel Signore. Genitori non abbiate paura di dire “no” ai vostri figli – ha concluso il parroco della chiesa dello Spirito Santo Nuovo – perché sono “no” d’amore”.

E infine la richiesta di perdonare il giovane 19 enne, che ha involontariamente spezzato la vita di Giulia. Una richiesta, quest’ultima, che ha scatenato un urlo di dissenso e dolore tra i familiari: “Non perdoneremo mai”. Alla fine della cerimonia gli amici e i familiari della 15enne hanno lanciato in aria palloncini bianchi.