Marano piange i suoi i figli, i funerali di Giulia dopo l’autopsia. Domani l’ultimo saluto a Salvatore

Marano piange i suoi i figli, i funerali di Giulia dopo l’autopsia. Domani l’ultimo saluto a Salvatore

Per il 19enne che ha investito la povera Giulia ora si profila l’accusa di omicidio colposo. Si attendono i risultati dell’esame tossicologico


Per il 19enne che ha investito la povera Giulia ora si profila l’accusa di omicidio colposo. Si attendono i risultati dell’esame tossicologico

MARANO – Lo descrivono come una “testa calda”, un fanatico delle quattro ruote il 19enne che venerdì sera ha investito Giulia Menna seduta ai tavolini del venditore di panini di piazzale Arafat. Non era la prima volta che Fabio – secondo il racconto di alcuni amici – tentava manovre azzardate: sgommate, accelerazioni e improvvise frenate.

Un gioco rischioso, insomma, ripetuto anche quella maledetta sera in cui ha perso la vita Giulia Menna, la 15enne rimasta schiacciata dal tavolo a cui era seduta. Il giovane, neopatentato e che non è in stato di fermo, è risultato negativo all’alcoltest a cui è stato sottoposto subito dopo il tragico incidente. Si attendono ora gli esiti dell’esame tossicologico, per valutare se quella sera fosse sotto gli effetti di qualche sostanza stupefacente. Per il 19enne, al di là del risultato delle analisi disposte dagli inquirenti, si profila ora un’accusa per omicidio colposo.

Le indagini sono coordinate dal pm Giacomo Urbano, che ha disposto l’autopsia sul corpo di Giulia Menna. L’esame autoptico verrà effettuato, verosimilmente, tra oggi e domani presso l’Istituto di Medicina Legale del Secondo Policlinico. I funerali della 15 enne si terranno tra mercoledì e giovedì.

Intanto la comunità di Marano si preparara a dare l’ultimo saluto a Salvatore Giordano, il 14enne rimasto ucciso dal crollo di alcuni calcinacci della galleria Umberto. La salma del ragazzo arriverà in città domani in tarda mattinata e sarà direttamente trasportata allo stadio comunale di via Falcone. Qui sarà allestita una camera ardente, che resterà aperta dalle 13 alle 16, per consentire a tutta la comunità di Marano di dire addio al povero Salvatore. Le esequie inizieranno intorno alle 16 e 30 e verranno officiate da don Costantino Rubini, parroco della chiesa dello Spirito Santo Nuovo di via Piave. Dopo la cerimonia funebre, la bara di Salvatore sarà trasportata al cimitero cittadino di via Vallesana. Quella di domani sarà, per Marano, sicuramente una delle giornate più tristi degli ultimi anni.