Qualiano, incarichi esterni: De Luca continua a sperperare danaro pubblico

Qualiano, incarichi esterni: De Luca continua a sperperare danaro pubblico

Duro attacco del capo dell’opposizione Onofaro contro l’attuale sindaco: “Il clientelismo non affondi la stabilità economica del Comune” QUALIANO – La scellerata


Duro attacco del capo dell’opposizione Onofaro contro l’attuale sindaco: “Il clientelismo non affondi la stabilità economica del Comune”

QUALIANO – La scellerata gestione della cosa pubblica da parte del sindaco De Luca sta raggiungendo il suo apice nelle ultime settimane. Dopo aver cacciato la Protezione Civile dai locali di Via Roma, pubblicando un bando per far trasformare pubblici locali in una pizzeria (in una parte del bando, pubblicato nell’albo pretorio on line si parla del Comune di Spoleto invece che di quello di Qualiano, palesando un’evidente copia e incolla che copre il Sindaco di ridicolo, laddove ce ne fosse ancora bisogno) si continuano a produrre delibere di giunta che prevedono incarichi esterni, con relativo sperpero di denaro pubblico. Si è passati dalle dichiarazioni postelettorali di uno “staff gratuito” alla previsione di una inutile short list di professionisti da assegnare presso gli uffici comunali, con la previsione di figure ad hoc, evidentemente per foraggiare le clientele. A ciò si aggiunga la previsione di incarichi esterni per la definizione delle pratiche di condono, ignorando che presso l’ente ci sono figure che possono tranquillamente occuparsi di dette attività, senza oneri aggiuntivi per il Comune.

L’apice, comunque, si è raggiunto con la delibera di giunta comunale n. 88 del 03 luglio 2014, pubblicata solo, il 18 luglio 2014, con la quale si prevede un rapporto si collaborazione con un professionista esterno il quale avrà l’ ”arduo” compito di individuare nello “sterminato” territorio comunale le occupazioni ilecite di spazio pubblico. Come è possibile che il sindaco De Luca, che dai banchi dell’opposizione lanciava anatemi contro la precedente amministrazione comunale perché addirittura aveva “osato” avvalersi di un portavoce, non si rende conto che tale compito può essere tranquillamente svolto dagli agenti di polizia municipale e dai dipendenti dell’ufficio tecnico, magari riconoscendo delle indennità e gli straordinari, se dovuti, ma con esborsi comunque inferiori rispetto a quelli che derivano all’instaurazione di un rapporto professionale esterno? L’opposizione darà battaglia affinchè il clientelismo di De Luca non affondi definitivamente il già precario equilibrio economico dell’ente comunale.

Salvatore Onofaro

Comunicato Stampa