Qualiano, parchimetri incappucciati contro le strisce blu: la protesta di CasaPound

Qualiano, parchimetri incappucciati contro le strisce blu: la protesta di CasaPound

Singolare iniziativa del movimento di estrema destra per dire no alla sosta a pagamento. La notizia riportata sulla pagina ufficiale di facebook


Singolare iniziativa del movimento di estrema destra per dire no alla sosta a pagamento. La notizia riportata sulla pagina ufficiale di facebook

QUALIANO – Il nuovo piano parcheggi entrato in vigore pochi giorni fa non deve essere andato giù agli attivisti di CasaPound. Nella notte tra il 1 e il 2 luglio, infatti, alcuni rappresentanti del movimento di estrema destra hanno fatto capolino a Qualiano mettendo in scena una singolare protesta. Parchimetri del centro incappucciati per dire no alle strisce blu, definite dal movimento “usura per i cittadini e pizzo per i negozianti”. Le macchinette per la sosta sono state così ricoperte da buste nere su cui sono stati poi affissi volantini con la scritta “Strisce blu illegali”.

La notizia è riportata dalla pagina facebook del movimento ( parchimetri incappucciati a Qualiano ). Giuseppe Savuto, responsabile napoletano di CasaPound, definisce la scelta di aumentare il numero delle soste a pagamento “vergognosa da parte del Comune, che impone un’ulteriore tassa al cittadino”. “La nostra azione – continua Savuto – ha l’obiettivo di informare i cittadini sull’illegittimità delle strisce blu, ribadendo ancora una volta che l’unica intenzione del Comune è quella di fare cassa, continuando a gravare sulle tasche dei cittadini e dei commercianti”.