«Qui si muore di degrado, e intanto la città si scioglie con la pioggia», ci scrive una lettrice da Marano