Rapinato ed accoltellato in zona Lago Patria, la vittima è un ex delle Brigate Rosse

Rapinato ed accoltellato in zona Lago Patria, la vittima è un ex delle Brigate Rosse

Leopoldo Iermano, 59 anni, è stato affiancato in auto da 4 uomini in scooter. Ferito all’addome, le condizioni non sono gravi GIUGLIANO


Leopoldo Iermano, 59 anni, è stato affiancato in auto da 4 uomini in scooter. Ferito all’addome, le condizioni non sono gravi

GIUGLIANO – Prima gli sottraggono soldi e orologio. Poi, alle sue proteste, lo colpiscono alla testa e lo accoltellano all’addome, lasciandolo sanguinante in strada. Vittima dell’aggressione è Leopoldo Iermano, 59enne residente a Licola, frazione di Giugliano.

Questa mattina Iermano si trovava a bordo della propria auto in viale dei Pini Nord, una parallela della via Domitiana che congiunge via Staffetta con via Ripuaria, a poche centinaia di metri da Lago Patria. I quattro in sella ai due scooter gli si avvicinano, lo tamponano, lo costringono a fermare la macchina e a scendere: scatta la rapina, l’uomo consegna gli oggetti di valore ma – come dichiarerà alla Polizia – non vuole cedere una borsa con del denaro contante.

La reazione dei rapinatori è violenta: Iermano viene colpito prima a mani nude, poi dal fendente che lo raggiunge all’addome. La vittima raggiungerà da solo l’ospedale di Pozzuoli, dove gli sono state prestate le prime cure: la coltellata non avrebbe, fortunatamente, leso alcun organo vitale, e dunque le condizioni di Leopoldo Iermano non sarebbero gravi.

Iermano, che oggi conduce una vita tranquilla, aveva fatto parlare di se negli anni ’80, quando da affiliato alle Brigate Rosse era stato condannato all’ergastolo per omicidio. La pena fu ridotta a 24 anni, e dal 2011 l’ex BR è libero.