via Londra a Melito, la denuncia dei cittadini: «invasi dai topi»

via Londra a Melito, la denuncia dei cittadini: «invasi dai topi»

Il consigliere d’opposizione Luciano Mottola: «gli uffici competenti si attivino per risolvere il problema» MELITO – I cittadini di via Londra lanciano un


Il consigliere d’opposizione Luciano Mottola: «gli uffici competenti si attivino per risolvere il problema»

MELITO – I cittadini di via Londra lanciano un nuovo allarme igienico-ambientale. L’arteria cittadina situata nel quartiere di edilizia popolare “219’’, a pochi metri dall’isola ecologica di via Madrid (nella foto) dove vengono conferiti la maggior parte dei rifiuti da differenziare, è preda dell’incuria, stando a quanto denunciano i cittadini, visibilmente preoccupati per la loro salute. «Basta raggiungere via Londra o affacciarsi dal balcone e notare la presenza di topi grossi come conigli, oltre l’abbandono di quel poco di verde rimasto. Anche le fogne non vengono pulite da oltre venti anni» è la denuncia di alcuni residenti. «Il tutto – proseguono – nei pressi di istituti materni ed elementari. Ma cosa deve succedere prima che qualcuno intervenga, qualche persona ferita dal morso di un topo? Anche i cittadini di queste zone periferiche esistono. Noi non siamo da terzo mondo. Chiediamo solo un po’ di pulizia di fogne, giardini e una buona manutenzione. Abbiamo segnalato più volte il problema agli organi competenti ma non abbiamo ricevuto nessuna risposta».

 Dunque, dopo numerose richieste di intervento (inoltrate da tanti cittadini di diversi lotti) una parte di Melito si dichiara insoddisfatta del contesto igienico della città. Molto critico è il consigliere di opposizione di centro-destra Luciano Mottola, esponente della civica Melito Nel Cuore. «La questione sanitaria è di primaria importanza. Al di là di una differenziazione tra cittadini di serie A e di serie B, permangono grandi problemi di manutenzione, purtroppo ancora irrisolti in un’arteria cittadina posta nei pressi dell’isola ecologica. L’ufficio competente del Comune (Ambiente ndr.) si attivi il prima possibile per la pulizie delle fogne» aggiunge Mottola.