Due giuglianesi tentano di rapinare una gioielleria di Pozzuoli, linciati dalla folla

Due giuglianesi tentano di rapinare una gioielleria di Pozzuoli, linciati dalla folla

I due malviventi sono stati fermati dalla folla con calci e pugni, mentre tentavano la fuga. Ricoverato in ospedale, invece, il titolare della gioielleria


I due malviventi sono stati fermati dalla folla con calci e pugni, mentre tentavano la fuga. Ricoverato in ospedale, invece, il titolare della gioielleria

POZZUOLI – I banditi tentano di rapinare una gioielleria ma vengono linciati dalla folla. Stamani due uomini, tutti giovani residenti a Giugliano, sono entrati nella gioielleria Addati di piazza Repubblica e hanno minacciato il titolare con una pistola. Alla reazione del titolare, Vincenzo Addati, i malviventi l’hanno prima malmenato e poi sono fuggiti in strada, abbandonando la pistola, una calibro 21 Lager, in un supermercato. Si tratta di Vincenzo Pagano di 18 anni, originario di Mugnano e residente in Via Oasi del Sacro Cuore e Nicola Maione 20 anni, di Via Camposcino.

I rapinatori sono stati però fermati dalla gente presente in piazza: un centinaio di persone si sono scaraventate sui due e li ha trattenuti con calci e pugni fino all’arrivo dei militari dell’Arma. I tre uomini sono ora in stato di fermo, in attesa della convalida da parte del pm. Vincenzo Salvati, proprietario dell’omonima gioielleria, è invece ricoverato all’ospedale di Pozzuoli con diverse ferite al capo, ritenute guaribili in un paio di giorni.