Operaio Fiat in sciopero della fame, arriva la chiamata del segretario Fiom Landini

Operaio Fiat in sciopero della fame, arriva la chiamata del segretario Fiom Landini

A renderlo noto lo stesso lavoratore sulla sua pagina facebook. Aumentano i rischi per la sua salute GIUGLIANO – Prosegue lo sciopero


A renderlo noto lo stesso lavoratore sulla sua pagina facebook. Aumentano i rischi per la sua salute

GIUGLIANO – Prosegue lo sciopero della fame e della sete di Antonio Frosolone, l’operaio Fiat di Giugliano in cassaintegrazione. In questi giorni è arrivata anche la chiamata del segretario della Fiom Maurizio Landini. A renderlo noto lo stesso Frosolone sulla sua bacheca Facebook: “Maurizio Landini mi ha chiamato e mi ha detto che verrà a trovarmi il più presto per bere insieme un po’ d’acqua”.

Una notizia inaspettata, che dà all’uomo una speranza in più per risolvere la sua delicata situazione lavorativa: impiegato al centro logistico di Nola, infatti, Frosolone non lavora da sei anni ed attualmente è in cassaintegrazione.

Ribellatosi a questa situazione di incertezza, come già riportato pochi giorni fa dal nostro giornale ( leggi ), Antonio Frosolone ha sospeso da circa una settimana l’alimentazione e anche l’assunzione dei farmaci cardiologici. E’ infatti cardiopatico e la scelta che sta conducendo lo espone a gravi rischi per la salute.