Qualiano, persa la sesta farmacia comunale. Il consigliere di centrodestra Palma all’attacco

Qualiano, persa la sesta farmacia comunale. Il consigliere di centrodestra Palma all’attacco

La comunicazione ufficiale è arrivata dalla Regione Campania QUALIANO – Decade per il Comune il diritto di prelazione e gestione della sesta


La comunicazione ufficiale è arrivata dalla Regione Campania

QUALIANO – Decade per il Comune il diritto di prelazione e gestione della sesta farmacia pubblica presente sul suo territorio. A renderlo noto è un documento pubblicato dal Burc (archivio dei bollettini ufficiali della Regione Campania) all’interno del quale viene chiarito che la farmacia numero 6 verrà inserita tra le sedi farmaceutiche vacanti e verrà assegnata alla gestione privata mediante un bando. Proprio questo rischio voleva essere scongiurato durante l’ultimo consiglio comunale dello scorso 3 luglio. Tale punto all’ordine del giorno, in quella occasione, prevedeva l’adesione ad un consorzio scelto dallo stesso sindaco.

Ma davanti ad illegittimità, ritardi e mancanza di trasparenza non ci fu nessuna adesione. Solo a quel punto parte della maggioranza e l’intera opposizione vennero informati che di lì a pochi giorni, precisamente l’8 luglio, sarebbe scaduto il secondo sollecito inviato al Comune dalla Regione per far sì che aprisse in maniera imminente la sede farmaceutica. Ad oggi la decisione della Regione sembra non lasciare alcun potere all’Ente di Piazza del popolo riguardo alla farmacia pubblica. Scaduto, nuovamente, il termine perentorio di 120 giorni, entro I quali il comune avrebbe dovuto concludere il procedimento di apertura della sede farmaceutica, gli è stato ritirato il diritto di prelazione.

“Si tratta di un ulteriore atto di scelleratezza da parte del sindaco, il quale non ha tenuto conto dei danni che la sua mancata decisione crea alle classe disagiate della popolazione. L’inerzia del Comune da imputare al sindaco ha determinato un grave pregiudizio per l’interesse pubblico, molti cittadini si ritrovano a non avere adeguata assistenza farmaceutica e questo non si può accettare. Dobbiamo prendere atto che De Luca non ha acceso il buoi ma ha spento Qualiano e da marzo ha tenuto la missiva nascosta” spiega amareggiato il consigliere di opposizione Giovanni Palma.