Chalet di Piazza Gramsci, qualcosa si muove. Il Comune dispone i lavori di manuntezione

Chalet di Piazza Gramsci, qualcosa si muove. Il Comune dispone i lavori di manuntezione

 A deciderlo una delibera della commissione straordinaria dello scorso agosto. Manca però ancora il bando per l’affidamento della struttura GIUGLIANO – Finalmente


 A deciderlo una delibera della commissione straordinaria dello scorso agosto. Manca però ancora il bando per l’affidamento della struttura

GIUGLIANO – Finalmente uno spiraglio di luce per uno dei posti più amati dai giuglianesi. Lo chalet di Piazza Gramsci, da anni sotto sequestro e bersaglio negli ultimi tempi di degrado e raid vandalici, sarà oggetto di lavori di manuntenzione a carico del Comune e di affidamento a privati mediante procedura di selezione pubblica. Ad annunciarlo una delibera dello scorso agosto della commissione straordinaria (LEGGI ).

Ciò che non è chiara è la tempistica. Infatti nella delibera non c’è traccia dei termini entro i quali partiranno i lavori di manutenzione, che dovranno essere disposti con determina dal dirigente ai lavori pubblici. E chiare non sono neanche le condizioni e i requisiti di affidamento della struttura, visto che, soltanto a lavori ultimati, si provvederà alla pubblicazione di un bando.

Ciò che è certo, per ora, è che lo chalet verrà assegnato a un privato dietro pagamento di un canone mensile (o annuale) versato al Comune e calcolato sulla base delle rendite catastali al metro quadro fissate delle Agenzie delle Entrate. Da decidere invece la destinazione dell’immobile. Tra i vari “candidati” alla gestione della struttura anche il comitato dei dissocupati giuglianesi, che ne vorrebbe fare un luogo di dibattito pubblico e di ritrovo per bambini e anziani.

Resta che, al netto dei buoni propositi, il rilancio di una delle strutture di incontro più vissute e frequentate in città rischia di essere bloccato dalla macchina della burocrazia. Ai tanti giuglianesi affezionati al vecchio chalet di “Ciccio ‘O Francese” non resta dunque che aspettare.