Clan Mallardo, arriva la sentenza per Picardi. Condannato a 16 anni di reclusione

Clan Mallardo, arriva la sentenza per Picardi. Condannato a 16 anni di reclusione

Il pm aveva chiesto 30 anni. A giudicarlo con rito abbreviato il gip Luigi Giordano del Tribunale di Napoli NAPOLI – E’


Il pm aveva chiesto 30 anni. A giudicarlo con rito abbreviato il gip Luigi Giordano del Tribunale di Napoli

NAPOLI – E’ stata emessa stamattina la sentenza di condanna per Patrizio Picardi, 49 anni, esponente di spicco del clan Mallardo. L’imputato, difeso dall’avvocato Quaranta, è stato condannato a 16 anni di reclusione. La decisione è del Gip Luigi Giordano, che l’ha ritenuto colpevole di associazione a delinquere di stampo camorristico.

Accolta dunque solo in parte la richiesta dell’accusa, Maria Cristina Ribeira, che aveva invece chiesto la condanna a trent’anni di reclusione (LEGGI). Per l’imputato, che ha scelto di essere giudicato con rito abbreviato, arriva una pena più mite e meno severa.

Picardi era stato catturato il 25 luglio 2013 dagli uomini della sezione Criminalità organizzata della Squadra Mobile della Questura di Napoli, in collaborazione con il commissariato di Giugliano. Gli agenti gli notificarono un provvedimento emesso dalla locale Direzione Distrettuale Antimafia che, a seguito di una articolata attività investigativa, raccolse in capo a Picardi “gravi e concordanti indizi di colpevolezza in ordine al reato di cui all’art. 416 bis”, reato di associazione di tipo mafioso.  L’uomo fu bloccato in una abitazione in via Lucullo in località Baia, e alla vista delle forze dell’ordine non oppose resistenza.