Il consiglio comunale di Melito fissa le aliquote Tasi ed Irpef

Il consiglio comunale di Melito fissa le aliquote Tasi ed Irpef

L’assise, su richiesta del consigliere Luciano Mottola, istituisce il fondo da destinare al sostegno alla ricerca scientifica in Italia.  MELITO – Il


L’assise, su richiesta del consigliere Luciano Mottola, istituisce il fondo da destinare al sostegno alla ricerca scientifica in Italia.

 MELITO – Il consiglio comunale di ieri, scivolato via senza particolari squilli di tromba, approva le aliquote Tasi, conferma quelle Irpef e istituisce un fondo per la ricerca scientifica in Italia.
Per ciò che concerne la Tasi, la tassa sui servizi indivisibili, le aliquote andranno da 2,5×1000 sulle abitazioni principali a 1,5×1000 per abitazioni principali e relative pertinenze (cantine o soffitte ad esempio). 0,5×1000 invece sugli altri fabbricati.
Le aliquote Irpef invece che, afferma l’assessore al bilancio Antimo Piccirillo sono «rimaste invariate rispetto all’anno 2013» avranno tali percentuali: da 0 euro a 15.000 euro: 0,30%, da 15.000 euro a 28.000 euro: 0,40%, da 28.000 a 55.000: 0,50%, da 55.000 a 75.000: 0,60%. Oltre 75.000 euro: 0,80%. Chi possiede un reddito al di sotto dei 5.000 euro sarà invece esentato.
Approvata dall’assise anche la proposta del consigliere comunale della lista “Melito Nel Cuore’’ Luciano Mottola di destinare un fondo a favore della ricerca scientifica italiana, con parte delle indennità degli amministratori locali messi a disposizione per questa nobile causa.
Già subito dopo la fine del consiglio tanti membri dell’assise decidono di destinare parte delle proprie indennità (circa 30 euro ciascuno) e rimpinguare così il fondo appena istituito.
«Melito c’è», il commento soddisfatto del consigliere di centro-destra.