Melito, si fingono carabinieri e tentano di svaligiare di notte un appartamento di via Roma: in fuga

Melito, si fingono carabinieri e tentano di svaligiare di notte un appartamento di via Roma: in fuga

Preoccupati i residenti: «i carabinieri sono arrivati in ritardo. Temiamo per la nostra sicurezza» MELITO – Momenti di paura qualche giorno fa nella


Preoccupati i residenti: «i carabinieri sono arrivati in ritardo. Temiamo per la nostra sicurezza»

MELITO – Momenti di paura qualche giorno fa nella zona di via Roma, a pochi passi dalle colonne di Giugliano. Due persone arrivano di notte sino al quarto piano di un appartamento abitato da un militare dell’Arma e da suo figlio, e, presentandosi come carabinieri, intimano ai residenti di aprire. I condomini, dopo aver intuito che si trattasse di malviventi, allertano i Carabinieri della locale Tenenza. I presunti ladri però non demordono ed anzi tentano, con calci e pugni contro la porta d’ingresso, di entrare nell’appartamento, per poi andare via solo dopo insistenti tentativi.

Un episodio inquietante che mette nuovamente al centro del dibattito la questione sicurezza in città. Come non ricordare quanto accaduto alcune settimane fa nell’altra parte di via Roma, al confine con Scampia, quando un uomo di 60 anni tentò di far esplodere il bancomat della Banca Popolare di Ancona utilizzando una bombola di gas. Soltanto il repentino intervento dei carabinieri, già di pattuglia nella zona, evitò quella che poteva essere realmente una strage.

Sotto accusa i carabinieri di Melito, colpevoli di essere arrivati sul posto tardivamente.«I carabinieri sono stati chiamati quando il possibile colpo era ancora in corso ma sono giunti nella casa dove si stava compiendo il furto soltanto due ore dopo, attorno alle 5 del mattino. Alla richiesta di aiuto hanno risposto che non avevano auto disponibili. Cosa sarebbe successo se i ladri, travestiti da carabinieri, fossero entrati in casa?» affermano alcuni condomini della zona. Proprio su questo tema è opportuno ricordare come le pattuglie dei carabinieri della locale tenenza, vista l’atavica carenza di organico, sono disponibili soltanto dalle 8.00del mattino sino alla sera. Qualora ci fosse un’emergenza in altri orari sarebbe l’aliquota radiomobile di Giugliano a muoversi per prima.

«Alla fine è andata bene ma intimorisce il fatto che i due ladri abbiano raggiunto con estrema facilità il palazzo; forse avevano addirittura le chiavi del cancello necessariamente da superare per accedere al condominio. Oramai ti bussano nel cuore della notte e sai che sei solo. Hanno più controllo del territorio i malviventi che le forze dell’ordine» continuano i residenti che stanno vagliando la possibilità di installare delle telecamere di videosorveglianza per migliorare le misure di sicurezza.